Stati Uniti di mega siccità – POLITICO

La siccità ha inghiottito vaste aree del paese, minacciando parti della fornitura di cibo ed energia della nazione. E sta peggiorando.

Più dell’80% degli Stati Uniti continentali sta vivendo condizioni insolitamente siccitose o siccità completa, che è la percentuale più grande da quando la National Oceanic and Atmospheric Administration ha iniziato a monitorare 20 anni fa.

Si prevede che l’inverno intensificherà e diffonderà le condizioni di siccità, uccidendo i raccolti e aumentando i rischi di incendio nelle regioni che di solito non affrontano tali pericoli, afferma la NOAA.

Ciò potrebbe significare problemi per l’elettricità in stati come California, Arizona e Nevada, esaurendo le riserve d’acqua necessarie per raffreddare le centrali elettriche e riducendo il flusso alle dighe idroelettriche su corsi d’acqua come il fiume Colorado.

Particolarmente preoccupante è il fiume Mississippi, dove i livelli d’acqua record rendono difficile lo spostamento di merci su chiatte, che è vitale per il trasporto di petrolio greggio, mais, semi di soia e altri prodotti essenziali.

La siccità in via di sviluppo nel bacino del Mississippi consente anche all’acqua salata di entrare dal Golfo del Messico, che potrebbe contaminare l’acqua potabile.

La California e l’Occidente non se la passano meglio. La mega siccità in corso dovrebbe peggiorare, senza alcun sollievo per il fiume Colorado pericolosamente impoverito o per i bacini idrici del sud-ovest del lago Mead e del lago Powell. (Più a nord, il Pacifico nord-occidentale e la regione dei Grandi Laghi dovrebbero effettivamente sostenere forti precipitazioni invernali rispetto al normale.)

La mega siccità durata 22 anni in Occidente è peggiorata così tanto che ora è considerata la più secca in almeno 1.200 anni. Gli autori di un recente studio sulla rivista Nature Climate Change hanno scoperto che il 42% della siccità è attribuibile al cambiamento climatico causato dall’uomo, confermando la previsione peggiore degli esperti per l’attuale livello di riscaldamento globale.

I meteorologi attribuiscono anche le previsioni di siccità a un terzo inverno consecutivo di La Niña, un andamento meteorologico complesso in cui i forti alisei agitano acqua più fredda sulla superficie dell’Oceano Pacifico e spingono la corrente a getto a nord, cosa che è accaduta solo poche volte nel ultimo mezzo secolo.

Mentre il pianeta continua a riscaldarsi, eventi meteorologici rari come le mega siccità stanno diventando sempre più comuni, insieme a inondazioni di 1.000 anni e ondate di calore da record. Gli scienziati avvertono che, a meno che il mondo non riduca drasticamente le sue emissioni di carbonio, le condizioni meteorologiche estreme – e il pedaggio che ne deriva – diventeranno la norma.

È lunedì grazie per esserti sintonizzato su L’interruttore di alimentazione di POLITICO. sono il tuo ospite, Arianna Skibell. Power Switch ti viene offerto dai giornalisti dietro Notizie E&E e POLITICA Energia. Invia i tuoi suggerimenti, commenti, domande a [email protected].

Oggi nel podcast di POLITICO Energy: Catherine Morehouse spiega perché l’amministrazione Biden ha opzioni limitate per ridurre le bollette elettriche elevate questo inverno.

La decisione del presidente Joe Biden la scorsa settimana di rilasciare petrolio dalla Strategic Petroleum Reserve sta accendendo il dibattito sul fatto che il piano funzionerà e come influenzerà le elezioni di medio termine.

Mike Lee e Carlos Anchondo analizzano i potenziali rischi per la sicurezza associati alla mossa, come il i rilasci di petrolio potrebbero influenzare i medio termine e se l’industria petrolifera e del gas aumenterà la produzione.

Lezioni imparate
Nelle settimane trascorse da quando l’uragano Fiona ha colpito Porto Rico, l’Agenzia federale per la gestione delle emergenze ha fornito aiuti a molti più residenti del territorio degli Stati Uniti rispetto a quando l’uragano Maria ha demolito le isole cinque anni fa, scrive Thomas Frank.

Il contrasto è un esempio di come i cambiamenti politici da parte dell’amministrazione Biden abbiano reso più facile per le persone nelle aree disastrate di beneficiare degli aiuti di emergenza. Le modifiche miravano a rispondere alle preoccupazioni che la FEMA stesse distribuendo aiuti in caso di calamità in modo iniquo.

Lavorare sulla campagna elettorale
Biden sta lottando per vendere le sue recenti vittorie sul clima nell’ultimo tratto prima delle elezioni di medio termine, scrive Scott Waldman.

Sostiene che l’azione per il clima sta arrivando, così come i prezzi della benzina più bassi. Queste affermazioni contrastanti arrivano nel mezzo di una stagione di inizio e fine campagna per Biden, il cui basso indice di approvazione del 43% ha smorzato la sua capacità di raccogliere sostegno per i candidati democratici.

inquinamento dell’aria
Mentre l’UE prepara nuove linee guida sulla qualità dell’aria, nove cittadini belgi stanno portando le loro autorità regionali in tribunale per l’inquinamento atmosferico, scrive Antonia Zimmermann.

Il sostiene che i tre argomenti regionali hanno messo a rischio la salute dei residenti non adattando le leggi sull’inquinamento atmosferico in risposta alle nuove linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.