Perché gli Stati Uniti stanno soffrendo una siccità diffusa

Enormi aree degli Stati Uniti sono insolitamente aride. Sebbene la siccità sia stata un problema persistente negli Stati Uniti occidentali, ora è diffusa in altre parti del paese che in genere non sono così aride.

Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), quasi il 60% degli Stati Uniti contigui sta attraversando una fase di siccità. La siccità non è stata così diffusa nella nazione in circa un decennio e oltre l’80% del paese sta almeno vivendo condizioni “anormalmente asciutte”, secondo lo US Drought Monitor, il primo nei 22 anni di storia del monitor della siccità.

La diminuzione delle risorse idriche ha anche messo fuori legge i prati davanti, ha lasciato i campi agricoli sterili e le rotte marittime dei fiumi

Quest’anno la siccità ha scatenato cacce al tesoro nei bacini idrici occidentali in ritirata: la scoperta di navi dell’era della seconda guerra mondiale nel lago Mead e nel lago Shasta. Ora, la follia dei naufragi appena rivelati si è diffusa a est. La scorsa settimana, quando il livello dell’acqua si avvicinava ai minimi storici, il fiume Mississippi ha scoperto le ossa di un traghetto che probabilmente è affondato vicino a Baton Rouge all’inizio del XX secolo. Ma la diminuzione delle risorse idriche ha anche messo fuori legge i prati davanti, ha lasciato i campi agricoli sterili e le rotte marittime dei fiumi.

“Negli ultimi due decenni, questa è una delle più grandi coperture di siccità per due motivi”, dice Brad Pugh, meteorologo della NOAA Il confine. C’è una siccità a lungo termine che non è estranea all’ovest, oltre a una siccità a breve termine che si è sviluppata nel Midwest e nel sud-est degli Stati Uniti. Puoi vedere la differenza nelle mappe di monitoraggio della siccità di seguito che descrivono le condizioni di ottobre 2021 e ottobre 2022.

a:hover]:text-black [&>a]:shadow-underline-gray-63 [&>a:hover]:shadow-underline-black text-gray-63″>Il monitoraggio della siccità degli Stati Uniti

Le mappe sono ombreggiate per rappresentare condizioni che vanno da “anormalmente secco” (giallo) a “eccezionale siccità” (bordeaux). Nella mappa dell’ottobre 2021, gran parte degli Stati Uniti occidentali hanno dovuto affrontare siccità da gravi a eccezionali, mentre le condizioni di siccità erano assenti in gran parte delle parti centrali e orientali del paese. Nella mappa di ottobre 2022, almeno l’80% del paese è ombreggiato con colori infuocati, che denotano condizioni di siccità.

La più lunga siccità mai registrata in California si è protratta per quasi un intero decennio da dicembre 2011 a marzo 2019, e la “megasiccità” che ha preso piede nel sud-ovest dell’America del Nord da 22 anni segna la regione più arida degli ultimi 1.200 anni, secondo uno studio recente.

Il cambiamento climatico ha reso la regione perennemente secca ancora più arida. Le temperature più calde asciugano semplicemente il suolo e la vegetazione più velocemente. Ma ci sono altri fattori in gioco, come La Niña. Il fenomeno si manifesta generalmente ogni due o sette anni come parte di un modello climatico ricorrente chiamato El Niño-Southern Oscillation (ENSO). Solo quando La Niña è apparsa nel 2020, come tutto il resto di quell’anno, non era normale.

Si prevede che persisterà fino al terzo inverno, il mondo sta affrontando un raro “triplo tuffo” La Niña. Questo segna solo il terzo evento di questo tipo “triplo tuffo” dagli anni ’50, secondo Pugh. Ha esacerbato la siccità più lunga degli ultimi quattro decenni che ha colpito il Corno d’Africa. Pugh dice che questo La Niña è anche uno dei fattori principali della siccità a lungo termine che stiamo attualmente assistendo negli Stati Uniti occidentali. Si prevede inoltre che creerà condizioni più calde e più asciutte negli Stati Uniti meridionali. Per questo motivo, le condizioni di siccità potrebbero espandersi ulteriormente lungo la costa del Golfo questo inverno, secondo una previsione NOAA pubblicata la scorsa settimana. Parti degli Stati Uniti sudorientali già colpite dall’attuale siccità a breve termine dovranno probabilmente conviverci per i prossimi mesi.

Ci vorranno più anni piovosi anche per iniziare a compensare quanto sia diventata secca la regione

Ma l’influenza di La Niña varia da regione a regione. Mentre tende a innescare la siccità nelle parti meridionali del paese, La Niña tende a portare un clima più piovoso nel nord-ovest. Anche il Midwest sarà risparmiato dall’aridità indotta da La Niña questo inverno. Quindi, dopo un settembre e un ottobre molto secchi, Pugh prevede che la siccità a breve termine nel Midwest si attenuerà nelle prossime una o due settimane quando un modello molto più umido inizierà a prendere forma negli Stati Uniti centrali.

Sfortunatamente per il sud-ovest, probabilmente ci vorranno più anni piovosi per iniziare a compensare la secchezza delle ossa che è diventata la regione con l’attuale mega siccità. E il cambiamento climatico continuerà a risucchiare l’Occidente fintanto che le auto che consumano gas e le centrali elettriche a combustibili fossili continueranno a vomitare inquinamento da gas serra. Le temperature più calde e la diminuzione delle nevicate ridurranno ulteriormente le riserve d’acqua. E tutto questo continuerà a costringere molte comunità a capire come vivere con meno acqua di quella che avevano prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *