Oracle sceglie Nvidia per far crescere lo stack cloud per l’intelligenza artificiale e la scienza dei dati

Oracle sta portando la suite software AI Enterprise di Nvidia insieme a migliaia delle sue ultime GPU nella sua infrastruttura cloud, il che potrebbe alimentare i piani del produttore di chip di guadagnare miliardi dai servizi in abbonamento.

La partnership, che si basa su implementazioni precedenti, configura Nvidia con il tipo di infrastruttura necessaria per espandersi su un obiettivo a lungo termine per diventare una centrale software. Offre inoltre al servizio cloud di Oracle la capacità hardware plug-and-play e il framework software per distribuire facilmente il software AI.

Oracle e Nvidia hanno competenze comuni in aree che includono assistenza sanitaria, produzione, comunicazioni e servizi finanziari, e ci sono molte opportunità di collaborare lì, ha affermato Leo Leung, vicepresidente di Oracle, durante una conferenza stampa.

Il CEO di Nvidia Jensen Huang e il CEO di Oracle Safra A. Katz sul palco di Oracle CloudWorld (18 ottobre 2022)

Le aziende stanno “guardando l’intero stack, quindi non solo le GPU e l’infrastruttura, ma stanno entrando nel livello software, entrando nel livello di servizio”, ha affermato Leung.

Nvidia è conosciuta come una società di chip grafici, ma scommette il suo futuro sulla generazione di maggiori entrate da software e servizi. L’azienda sta esaminando un modello di business in abbonamento in stile Netflix e addebitando ai clienti un addebito quando il suo software e hardware vengono utilizzati per creare prodotti.

Nvidia vende già servizi di intelligenza artificiale a settori verticali tra cui automobilistico, sanitario e manifatturiero. Le offerte di software di Nvidia includono Clara per l’assistenza sanitaria e Drive per le auto a guida autonoma, che si basano sul framework di programmazione parallela CUDA. Il software è incluso in un’offerta chiamata AI Enterprise.

Le offerte AI Enterprise di Nvidia sono state finora limitate a una manciata di interfacce di macchine virtuali su Google Cloud, Microsoft Azure e Amazon Web Services, che hanno le proprie offerte di software AI che sono in gran parte basate su strumenti open source. Ma Nvidia ha trovato un partner completo in Oracle, che è disposta ad assumere lo stack software proprietario del produttore di chip grafici per il suo servizio cloud.

“Vediamo grandi opportunità per portare il ricco software a sfruttare l’infrastruttura di elaborazione accelerata e le GPU perché è lo stack completo necessario per fornire ciò di cui i clienti hanno bisogno e guardando all’IA”, ha affermato Pat Lee, responsabile delle partnership strategiche di Nvidia.

Le offerte Oracle Cloud includeranno Clara di Nvidia, un framework software medico che supporta applicazioni come imaging e chirurgia robotica.

I clienti Oracle possono attualmente ottenere cluster di 512 GPU e stanno aggiungendo decine di migliaia di capacità GPU, ha affermato Leung. Le GPU e lo stack software AI Enterprise siederanno in cima all’infrastruttura principale di Oracle Cloud, che include hardware di calcolo, storage e rete bare metal.

Oracle sta collaborando con Nvidia sul flusso di dati per sfruttare il loro acceleratore RAPIDS per GPU per accelerare le transazioni di analisi e database. L’infrastruttura cloud Oracle dispone del servizio Apache Spark, che fornisce l’accelerazione per l’integrazione dei dati, la catalogazione e il tracciamento delle risorse. RAPIDS si integra perfettamente senza alcuna modifica del codice, hanno affermato i dirigenti.

L’infrastruttura Oracle offre la capacità di supportare un ambiente di elaborazione eterogeneo, con molte opzioni di archiviazione, rete e memoria per aumentare l’intelligenza artificiale e il calcolo ad alte prestazioni.

“Siamo in grado di fornire istanze bare metal, quindi nessuna virtualizzazione e nulla che interferisca tra il cliente e ciò che stai cercando di fare con l’infrastruttura”, ha affermato Leung.

L’annuncio è stato l’ultimo di molti annunci di implementazioni H100 nel cloud. Nvidia ha precedentemente affermato che l’H100 apparirà nei servizi cloud il prossimo anno.

Ma la conferenza stampa ha sollevato più domande che risposte sulla strategia H100 di Nvidia, sui ritardi e sui piani cloud. Nvidia ha precedentemente affermato che i suoi server H100 erano in piena produzione, ma ha evitato molte domande durante la conferenza stampa su licenze, configurazioni e prezzi.

“Abbiamo annunciato che con H100 e i server OEM (associati) avrebbe incluso un Nvidia [AI Enterprise] licenza. Ma per quanto riguarda Oracle Cloud e le nostre offerte cloud, abbiamo una struttura dei prezzi diversa”, ha affermato Lee, senza fornire ulteriori dettagli.

Nvidia punta a fornire servizi software come modello di abbonamento e il produttore di chip ha rifiutato di commentare se riceverà un taglio dalle istanze GPU su Oracle Cloud.

Nvidia ha anche rifiutato di commentare se le installazioni H100 su Oracle Cloud sarebbero compatibili con il cloud in loco e i servizi cloud di terze parti.

“Non stiamo parlando di specifiche su un’offerta di cloud ibrido, ma se sfruttano la potenza degli strumenti di intelligenza artificiale di Nvidia, possono utilizzare sia le risorse on premise che quelle cloud per sfruttare lo stesso hardware in termini di gestione del cloud ibrido. Questo è qualcosa di cui non stiamo discutendo oggi”, ha detto Lee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *