Nuovi veicoli elettrici creano concorrenza per la Tesla di Musk

Fo anni, una casa automobilistica si è distinta come leader per i veicoli elettrici: Tesla. Ma la società ora deve affrontare una lista crescente di concorrenti profondi, tra cui General Motors, Ford e Mercedes-Benz, che cercano di interrompere il proprio dominio sul mercato.

Più di una dozzina di nuovi veicoli elettrici arriveranno sul mercato nel corso del prossimo anno, poiché le case automobilistiche passeranno a veicoli più ecologici. Ciò potrebbe significare guai, dicono gli analisti automobilistici, per una società che un tempo era l’unica casa automobilistica elettrica americana.

“Tesla è stata l’azienda elettrica dominante per così tanto tempo, ma stiamo assistendo a molta più concorrenza, non solo con i veicoli elettrici di lusso, ma anche con i veicoli tradizionali che sono disponibili in diversi tipi di carrozzeria e fasce di prezzo”, afferma Kevin Roberts, direttore dell’industria approfondimenti e analisi presso CarGurus.

È probabile che la quota di mercato dei veicoli elettrici di Tesla diminuisca da circa il 70% nel 2021 ai “bassi adolescenti” entro il 2025 a causa dell’assalto di veicoli elettrici provenienti da altri produttori, prevede John Murphy, amministratore delegato e analista automobilistico principale presso la Bank of America Merrill Lynch.

“GM e Ford sono probabilmente nella posizione migliore per competere qui”, afferma, indicando la crescita nel mercato dei pickup EV. “Ciò include Ford F-150 Lightning, Chevrolet Silverado e GMC Sierra. La Ford Mustang Mach-E è anche molto competitiva rispetto alla Tesla Model Y e l’imminente Chevrolet Equinox porterà via alcuni dei suoi clienti con un prezzo di partenza nella fascia di $ 30.000″.

L’amministratore delegato Elon Musk ha dato il via all’ultima chiamata sugli utili di Tesla con una nota di ottimismo sulle previsioni di crescita a breve termine della società, dicendo agli analisti che attende con impazienza “una fine anno epica”. Ma ha anche affermato che le flessioni economiche in Cina e in Europa, insieme agli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve, stanno iniziando a rallentare la domanda di veicoli dell’azienda.

“La domanda è un po’ più difficile di quanto sarebbe altrimenti”, ha detto Musk. “Ma come ho detto prima, siamo estremamente fiduciosi in un ottimo Q4”.

Anche così, un certo numero di analisti ha lasciato la chiamata sugli utili di Tesla a disagio, in particolare con l’aumento della concorrenza. Le azioni della società sono scese di circa il 7% nelle ore successive alla chiamata di Musk e sono scese del 47% dall’inizio dell’anno.

“Tesla sta colpendo un bivio nel periodo della strada attraverso il quale Musk ha bisogno di guidare l’azienda e sarà un momento di verità per Tesla sul fronte della domanda”, ha affermato giovedì l’analista di Wedbush Securities Dan Ives in una nota di ricerca. “Questo trimestre non è stato arcobaleni e rose e lascia gli investitori a volere di più da Tesla”.

Lunedì, meno di una settimana dopo, la società ha tagliato i prezzi di partenza per le sue auto Model 3 e Model Y fino al 9% in Cina a causa delle preoccupazioni per la domanda, invertendo una tendenza a livello di settore all’aumento dei prezzi quest’anno. Murphy afferma che i tagli dei prezzi in Cina non sono tipici di un’azienda con bassa offerta e alta domanda e potrebbero suggerire un “potenziale indebolimento in uno dei mercati chiave in crescita in Cina”.

Tali sono le prove e le tribolazioni delle aziende che sfruttano ciò che gli strateghi del marketing chiamano “vantaggio della prima mossa”. Possono rivoluzionare un settore, ma cosa succede quando la concorrenza recupera? “Abbiamo sempre saputo che la quota di mercato di Tesla sarebbe scesa alla fine”, afferma Michelle Krebs, analista esecutivo di Cox Automotive. “Le persone vogliono veicoli elettrici più convenienti e stanno arrivando.”

Ma anche se sul mercato arrivano più veicoli elettrici, gli analisti affermano che il riconoscimento del nome gioca un ruolo importante nel mantenere Tesla in cima alla classifica. La società ha rilasciato il suo primo veicolo completamente elettrico nel 2008, il Tesla Roadster, che ha raggiunto 245 miglia con una singola carica, un’autonomia senza precedenti per un veicolo di produzione. Da allora l’azienda ha rilasciato quattro modelli elettrici, con un quinto, il suo Cybertruck, nel 2023.

“Altre case automobilistiche dovranno fare molta più pubblicità per far sapere ai clienti che hanno veicoli elettrici”, afferma Krebs. “Tesla ha sempre avuto solo veicoli elettrici, questo è ciò per cui sono conosciuti.”

Anche con campagne pubblicitarie stellari, non vi è alcuna garanzia che i concorrenti raggiungano Tesla. Dato il vantaggio dell’azienda nel settore dei veicoli elettrici, possiede e gestisce anche la più grande rete di ricarica rapida del mondo, con oltre 35.000 Supercharger situati lungo le principali rotte. Roberts afferma che questa sofisticata rete di ricarica probabilmente offre a Tesla un altro vantaggio rispetto ad altre case automobilistiche.

L’elevata valutazione delle azioni di Tesla significa anche che la società può raccogliere capitali vendendo una piccola parte delle proprie azioni, afferma Murphy, mentre altre case automobilistiche dovrebbero vendere una percentuale molto più ampia di azioni per raccogliere lo stesso capitale.

“Tesla si sta sicuramente muovendo più velocemente ora di quanto non sia storicamente”, dice, indicando i loro nuovi stabilimenti ad Austin, in Texas. e Berlino. “Ma crediamo che avrebbero dovuto muoversi più velocemente e sfruttare il loro vantaggio prima che la concorrenza iniziasse a recuperare”.

Musk non sembra essere preoccupato. Ha detto durante la chiamata di guadagno che la società è nell'”ultimo giro” di lavoro sul suo Cybertruck, che inizierà la produzione a metà del prossimo anno. Si è anche vantato che il valore di mercato di Tesla, ora a 696 miliardi di dollari, potrebbe un giorno superare la capitalizzazione combinata di Apple Inc. e Saudi Aramco, due delle società di maggior valore al mondo che attualmente valgono più di sei volte la capitalizzazione di Tesla a circa 4,4 trilioni di dollari.

“Questa è la prima volta che vedo quel potenziale”, ha detto Musk. “Abbiamo il portafoglio di prodotti più eccitante di qualsiasi azienda al mondo, alcuni dei quali hai sentito parlare, altri no.”

Ma la strada da percorrere metterà alla prova la leadership e la visione strategica di Musk, in particolare quando la sua azienda entra in una nuova fase nei suoi 19 anni di storia, circondata per la prima volta da concorrenti, molti dei quali offrono opzioni meno costose in un’economia in crisi. Il veicolo più economico di Tesla parte da $ 46.990.

“C’è solo così tanta domanda di auto tra $ 50.000 e $ 55.000”, afferma Murphy “E se Tesla vuole crescere in modo significativo fino a 10 milioni di unità in più nel tempo, dovrà accettare prezzi più bassi. E se raggiungono il numero di 10 milioni di unità, pensiamo che probabilmente debbano avere un prezzo medio di transazione vicino a $ 25.000 rispetto ai $ 75.000 a cui si trova in questo momento”.

Altre storie da leggere da TIME


scrivere a Nik Popli a nik.popli@time.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *