Malata di cancro al seno grata per la tecnologia |

RICHFIELD — Ogni persona a cui è stato diagnosticato un cancro al seno vorrebbe essere stata abbastanza fortunata da prenderlo prima, quando il trattamento è più facile e il cancro è più curabile. A causa di una mammografia, Denise Kauffman è stata una delle fortunate.

Dopo che a sua zia paterna è stato diagnosticato un cancro al seno complicato all’inizio dei suoi 40 anni, Kauffman ha iniziato le mammografie annuali prima dell’età tipica raccomandata di 40 anni. Lo scorso novembre, quando aveva 43 anni, le è stato diagnosticato un cancro al seno.

“Quando sono andato a novembre, era solo una mammografia di routine”, ha detto Kauffman. Anche quando il Centro per la salute del seno di Thyra M. Humphrey, a Lewisburg, le ha chiamato per dirle che volevano ripetere la mammografia per aver trovato micro calcificazioni, non era preoccupata, pensando: “È solo un altro viaggio (al centro)”.

Alla seconda mammografia, gli operatori sanitari le hanno detto che il pattern a grappolo delle calcificazioni era “preoccupante”, provocando la prima sfumatura di preoccupazione di Kauffman. Tuttavia, le calcificazioni sono benigne l’80% delle volte, quindi non era troppo ansiosa fino a quando non ha ricevuto una chiamata dal centro una settimana prima del Ringraziamento.

“Ero in quel 20 percento”, ha detto. Aveva un carcinoma duttale in situ (DCIS), che indica la presenza di cellule anormali all’interno di un dotto lattiginoso.

Ancora una volta, però, le sue paure sono state calmate dal tecnico del centro non appena sono state sollevate.

“Era molto rassicurante”, ha detto Kauffman. “Mi ha detto subito che non era invasivo. Mi ha detto che era curabile al 100%. Non avrei bisogno della chemioterapia. Solo chirurgia e radioterapia”.

I test genetici guidano il trattamento

Citando il suo background cristiano, Kauffman ha affermato di credere che Dio dia alle persone la fede per le cose che devono sopportare.

“Ho avuto davvero una pace al riguardo fin dall’inizio”, ha detto.

Una risonanza magnetica ha confermato che il cancro era localizzato solo in un’area. All’inizio di dicembre Kauffman è stato sottoposto a test genetici presso il Center for Breast Health e ha incontrato il dott. John F. Turner, chirurgo senologico e co-direttore clinico del Centro.

“Non sono stati trovati geni BRCA”, ha detto Kauffman. “Se fosse stato positivo, allora avrei dovuto pensare a una mastectomia. Ma il mio non era positivo, quindi avevo solo bisogno di una lumpectomia e radioterapia”.

I test genetici possono informare gli oncologi medici sulle scelte di farmaci che fanno, ha detto Turner.

“Ti stai avventurando nel concetto di medicina personalizzata, in cui il piano di trattamento è personalizzato per ogni paziente”, ha detto. “Questo è un processo che è in qualche modo agli inizi ora, ma sta iniziando a guadagnare nella nostra capacità di farlo”.

Venerdì gen. 7, Kauffman ha subito una lumpectomia, che è stata eseguita da Turner. Si è diretta a casa verso le 15 dello stesso giorno.

“Mi sono sentito davvero bene. Non c’era dolore dopo. Forse entro sabato sera potevo dire che il blocco del dolore stava svanendo, forse un po’. Ma mi sentivo davvero bene”, ha detto, aggiungendo con una risata, “Mi ero presa tre settimane di ferie dal lavoro. È stata come una mini vacanza”.

Prima di iniziare le radiazioni, ha incontrato il Dr. Victor Vogel, specialista in cancro al seno di Geisinger, che ha prescritto il tamoxifene, che Kauffman continuerà per qualche tempo.

Il 14 febbraio ha iniziato quattro settimane di radiazioni, cinque giorni alla settimana, ma anche questo non ha influenzato molto il suo stile di vita. Si è fermata al Geisinger Cancer Center, a Lewisburg, per i trattamenti di 10 minuti ogni mattina prima di andare al lavoro.

“Ho avuto pochissimi effetti collaterali da questo”, ha detto. “Nessuna ustione da radiazioni.”

Le radiazioni sono necessarie con una lumpectomia, ha detto Turner, perché il cancro non cresce come un singolo nodulo, diventando sempre più grande.

“In realtà ci sono cellule che si allontanano da dove si trova la parte solida del tumore, quindi hai queste cellule sparse che sono vicine al tumore ma non sono sul tumore”, ha detto. “Sono le singole cellule. Non è niente che apparirebbe su un’immagine. Non è una massa».

Ed è qui che entrano in gioco le radiazioni, che distruggono quelle cellule sparse dopo una lumpectomia, ha detto Turner. La ricerca ha dimostrato che la radioterapia è efficace dopo una lumpectomia perché senza di essa, i tassi di recidiva locale raggiungono il 30%.

“Mentre se si somministrano radiazioni dopo una lumpectomia, i tassi di recidiva locale scendono a circa il 5%, che è equivalente alla mastectomia”, ha detto Turner. “E quindi è così che determiniamo che la lumpectomia è efficace quanto la mastectomia”.

senza cancro

Kauffman ha terminato i suoi trattamenti con radiazioni a metà marzo, ha visto di nuovo Vogel ad aprile, ha avuto un’altra mammografia ad agosto e vedrà di nuovo Turner a febbraio.

“Più o meno, immagino si possa dire che a questo punto sono libero dal cancro. Sembra quasi troppo semplice”, ha detto, aggiungendo: “Avrebbe potuto essere molto peggio. Non era un cancro invasivo. Ho molto di cui essere grato”.

Ha una probabilità dell’1 su 100 percento che il cancro ritorni, quindi intende essere diligente riguardo agli appuntamenti di follow-up e ai futuri test di screening.

“Ma non è qualcosa di cui mi preoccupo”, ha detto. “Sono quasi a quel punto in cui non è qualcosa a cui penso tutti i giorni.”

È grata per la tecnologia che ha consentito agli operatori sanitari di trovare una calcificazione così piccola, dicendo che non sa quanto tempo ci sarebbe voluto prima che diventasse un nodulo abbastanza grande da essere notato.

“Abbiamo la tecnologia per raccogliere cose del genere”, ha detto. “Questo sarebbe il principale asporto. È una procedura molto semplice da seguire e potrebbe fare un’enorme differenza nel tipo di risultato che si ottiene”.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *