Lo Spinosaurus e altri dinosauri nuotavano?

Un feroce gruppo di dinosauri predatori potrebbe aver fatto gran parte della loro caccia nell’acqua.

Un’analisi della densità ossea di diversi spinosauri dai denti aguzzi suggerisce che diversi membri di questo gruppo di dinosauri erano prevalentemente acquatici, i ricercatori riferiscono il 23 marzo a natura.

Questa scoperta è l’ultima salva in una sfida continua all’opinione prevalente secondo cui tutti i dinosauri erano animali terrestri che lasciavano i regni dell’acqua e dell’aria ai rettili marini come mosasauro e rettili volanti come pteranodonte. Ma, dicono altri ricercatori, non lo dimostra ancora Spinosauro e i suoi parenti hanno effettivamente nuotato.

Nel 2014, Nizar Ibrahim, un paleontologo ora all’Università di Portsmouth in Inghilterra, e colleghi hanno messo insieme il fossile di un fossile lungo 15 metri Spinosauro da quello che ora è il Marocco. La strana collezione di caratteristiche del dinosauro – un’enorme struttura simile a una vela sul dorso, gambe corte e muscolose, narici ben arretrate rispetto al muso e denti aghiformi apparentemente progettati per impigliare i pesci – ha suggerito ai ricercatori che il predatore potrebbe essere stato un nuotatore (SN: 9/11/14). In particolare, aveva ossa delle gambe molto dense, una caratteristica di alcune creature acquatiche come i lamantini che hanno bisogno delle ossa affinché la zavorra rimanga sommersa.

Nel nuovo studio, Ibrahim e il suo team sono tornati sulla questione della densità ossea per valutare se è un indicatore affidabile di quanto tempo una creatura trascorre in acqua. Il team ha raccolto “un enorme set di dati” di densità delle ossa del femore e delle costole dorsali da “un incredibile serraglio di animali estinti e viventi, raggiungendo i curatori di musei di tutto il mondo”, afferma Ibrahim.

Quel serraglio include spinosauri come vistosi, a vela Spinosauro così come i suoi cugini ugualmente dai denti aguzzi barionice e Suchomimus. Comprende anche altri gruppi di dinosauri, rettili marini estinti, pterosauri, uccelli, coccodrilli moderni e mammiferi marini.

Il team ha quindi confrontato queste analisi ossee con le abitudini di dimora nell’acqua delle varie creature nello studio. Quel lavoro conferma che la densità è “un indicatore eccellente” per le specie nelle prime fasi di una transizione dalla dimora terrestre a quella acquatica, riferisce il team. Quelle ossa compatte possono aiutare queste creature di transizione, che potrebbero non avere ancora caratteristiche come pinne o pinne per aiutarle a manovrare in acqua più facilmente, nella caccia sott’acqua, ciò che il team chiama “ricerca subacquea”.

Le analisi mostrano anche che non solo Spinosauro hanno ossa molto dense, ma barionice fatto anche tu. Ciò suggerisce che entrambi questi dinosauri fossero raccoglitori subacquei, afferma il team. L’idea si basa sul lavoro precedente di Ibrahim e colleghi che l’hanno proposta Spinosauro non solo trascorreva molto del suo tempo in acqua, ma poteva anche nuotare all’inseguimento della preda, grazie alla sua strana coda a forma di pagaia (SN: 29/04/20).

illustrazione di Baryonyx, un dinosauro snello, che mangia un pesce
barionice, uno dei primi spinosauro, aveva femore e costole molto densi ed è noto per aver mangiato pesce. In base alla loro densità ossea, barionice (illustrato) e Spinosauro potrebbero essere stati cacciatori subacquei, sfidando le idee prevalenti secondo cui tutti i dinosauri erano principalmente abitanti della terra.Davide Bonadonna

L’idea di una nuotata Spinosauro non è stato convincente per tutti Nel 2021 uno studio in Paleontologia elettronica esaminato Spinosauro‘ anatomia in dettaglio e giunse a una conclusione diversa. Il dinosauro non era un predatore acquatico altamente specializzato, hanno scritto David Hone, zoologo e paleobiologo presso la Queen Mary University di Londra, e Thomas Holtz Jr., un paleontologo che lavora presso l’Università del Maryland a College Park. invece, Spinosauro potrebbe aver appena guadato nelle secche, come un airone, per pescare.

Il nuovo studio non ha convinto quegli scettici. Spinosauro ha “chiaramente ossa molto dense. Questa è davvero una buona prova che sono in giro nell’acqua, ma in un certo senso lo sapevamo”, afferma Hone. “Non è chiaro cosa siano facendo in acqua. Questa è la parte controversa”.

Prendi gli ippopotami, che trascorrono gran parte del loro tempo per lo più sommersi, dice Hone. “Gli ippopotami hanno densità ossee del tutto paragonabili a Spinosauro e barionicema non mangiano in acqua” e non nuotano, aggiunge.

“Tutti erano d’accordo su questo Spinosauro era più acquatico di altri grandi teropodi” come tirannosauro Rex, ha detto Holtz. Quello barionice anche avere ossa dense è stata una sorpresa interessante, aggiunge.

Ma le ossa dense o meno, dice Holtz, “non le trasforma ancora in cacciatori acquatici”. Descrive diverse caratteristiche anatomiche – Spinosauro‘ collo lungo e snello, testa inclinata e disposizione dei muscoli del collo che suggeriscono un movimento sorprendente verso il basso – che indicano più una creatura trampoliere che cacciava da sopra la superficie dell’acqua che una che inseguiva la sua preda sott’acqua.

Kiersten Formoso, paleobiologa presso l’Università della California del Sud a Los Angeles, afferma che il nuovo confronto tra le densità ossee tra un’ampia varietà di creature è un’aggiunta preziosa, a cui anticipa riferirsi nel suo stesso lavoro che studia la transizione di antiche creature da terra per innaffiare. Ma anche lei non è convinta che lo dimostri Spinosauro e barionice potrebbe davvero nuotare.

“Non dettaglierei mai Spinosauro dall’acqua”, dice Formoso. Ma, aggiunge, è necessario fare più lavoro sulla sua biomeccanica – come potrebbe essersi mosso – per capire quanto abilmente acquatico avrebbe potuto essere il dinosauro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *