La Corte Suprema emette un avviso sulla petizione di trasferimento di NMC in relazione a motivi che contestano la direzione per la tassa del governo nel 50% dei seggi dei college privati

La Suprema Corte di Cassazione, in data 21 ottobre, ha emesso avviso nell’istanza di trasferimento depositata dalla Commissione medica nazionale in relazione ai motivi impugnanti la fondatezza della sua decisione di stabilire una quota del 50% dei posti nelle Scuole Mediche Private e nelle Università Ritenute alla pari con la quota in le Facoltà di Medicina del Governo nei rispettivi Stati e Territori dell’Unione. L’NMC sta cercando di trasferire alla Corte Suprema oa qualsiasi altra Corte Suprema tutte le impugnazioni simili pendenti dinanzi a diverse Alte Corti.

L’avviso è stato emesso da un Collegio composto I giudici DY Chandrachud e Hima Kohli. L’istanza di trasferimento, l’istanza principale e le questioni connesse devono essere depositate in Tribunale il 4 novembre 2021.

All’ultima data dell’udienza, il giudice Chandrachud aveva suggerito all’avvocato Gaurav Sharma di comparire a nome dell’NMC di presentare una petizione di trasferimento in modo che l’Apex Court potesse trasferire a sé tutte le questioni al riguardo o consolidarle e inviarlo all’Alta di Delhi Corte o qualsiasi altra Alta Corte per la disposizione. Medicine, NMC ha presentato la richiesta di trasferimento, in cui è stato emesso un avviso.

Il memorandum dell’ufficio impugnato (OM) emesso dall’NMC il 3 febbraio 2022 impone che il 50% dei seggi nei college medici privati ​​​​dovrebbe essere alla pari con la tariffa nei college medici governativi di un particolare stato. Inoltre, prevede che il beneficio di tale struttura tariffaria sia prima messo a disposizione di quei candidati che si sono avvalsi di posti contingentati governativi ma limitato nella misura del 50% della forza totale sanzionata della rispettiva facoltà di medicina/presunta università.

Nell’ultima occasione, Senior Advocate, Sig. Maninder Singh, che si è costituita a nome del firmatario, ha informato la Corte che l’impugnata OM è stata sospesa da tre Alte Corti, vale a dire, l’Alta Corte del Kerala, l’Alta Corte del Madhya Pradesh e l’Alta Corte di Madras. Aveva aggiunto che l’Alta Corte di Madras ha, infatti, ritenuto che la notifica impugnata fosse «cattivo in diritto‘ e rinviato al regolatore. Sig. Singh, ha informato la Corte che, poiché le Alte Corti hanno sospeso l’operazione di notifica nei rispettivi Stati, i firmatari sono stati costretti ad avvicinarsi alla Corte Suprema alla ricerca di implicazioni pan-indiane.

sfondo

La principale petizione mossa dall’AHSI Association Of Health Sciences Institutes affermava che la Corte Suprema, in varie sentenze, aveva più volte affermato che il metodo per la fissazione delle tasse, sarà subordinato a considerare varie linee guida come le strutture disponibili nel college, le infrastrutture, l’età di investimenti effettuati, piani di ampliamento, ecc.

“… L’OM impugnata è del tutto arbitraria, ultra vires e incostituzionale. Non ha esistenza agli occhi della legge. È contraria alle dichiarazioni rese da questa Hon’ble Court che vietano tali disposizioni che sono state richieste per essere imposte dal resistente sui diritti fondamentali garantiti alle istituzioni educative private non assistite come il firmatario, ai sensi della parte III della Costituzione indiana”, evidenziava la petizione.

Le linee guida prescritte nell’OM impugnato sono al di fuori dei poteri conferiti al NMC e non hanno validità agli occhi della legge. In effetti, secondo la petizione, l’unica autorità investita del potere di fissare le tasse delle scuole mediche è il comitato per la fissazione delle tasse in ogni stato presieduto da un giudice dell’Alta Corte in pensione.

….disposizioni dell’NMC Act, inclusa la Sezione 10(1)(i) di queste, NMC non è stata autorizzata a fissare la tariffa o fissare alcuna clausola di questo tipo che abbia l’effetto obbligatorio di reintrodurre le caratteristiche dello Schema Unni Krishnan [where 50% of the students are to be charged only the Government fee, which was held to be unconstitutional] e di non consentire alle istituzioni private non assistite di recuperare la quota fissata dai Comitati Contributi da tutti gli studenti in modo uniforme in modo da recuperare la sua spesa e anche un ragionevole profitto / avanzo per la sua espansione.”

È il caso del firmatario che le istituzioni private non assistite possono fissare la tassa da addebitare annualmente agli studenti. Questa fissazione è soggetta al monitoraggio del Comitato per le commissioni per garantire che non vi sia alcun profitto e la commissione addebitata consente alle istituzioni private non assistite di recuperare le proprie spese insieme a un ragionevole profitto / eccedenza per le sue espansioni.

“…questa Hon’ble Court avendo ritenuto il diritto di ogni istituzione privata non assistita di recuperare tutte le sue spese e il ragionevole surplus / profitto nell’impartire l’istruzione superiore dagli studenti, 49 non vi è alcuna ammissibilità per lo Stato o qualsiasi sua agenzia avventurarsi nell’imporre qualsiasi restrizione e/o divieto in qualsiasi modo in tal senso……Ogni istituto ha diritto a recuperare la quota annuale su tale base da ciascuno degli studenti ammessi al collegio [other than the NRI seats]. Lo Stato non può in alcun modo interferire in questo conto».

Per questi motivi, la decisione della NMC è stata impugnata.

[Case Title: AHSI Association Of Health Sciences Institutes v. Union of India W.P.(C) No. 682/2022]

Clicca qui per leggere/scaricare l’ordine

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *