JWST individua “Sparkler Galaxy” che potrebbe ospitare le prime stelle dell’universo

La prima immagine di qualità scientifica rivelata dal nuovissimo telescopio spaziale della NASA conteneva un tesoro nascosto sotto forma di una scintillante galassia lontana circondata da densi ammassi che potrebbero contenere alcune delle prime stelle dell’universo.

Quell’immagine, la prima immagine in campo profondo del Telescopio spaziale James Webb (JWST), offriva una straordinaria gamma di galassie. E un team di astronomi canadesi ha ingrandito una galassia situata a 9 miliardi di anni luce dalla Terra, soprannominata la “Galassia Sparkler” perché gli oggetti compatti che la circondano appaiono come piccoli puntini giallo-rossi scintillanti. il galassia è notevole di per sé per il suo strano aspetto allungato, ma gli oggetti circostanti che hanno ispirato il soprannome sono di particolare interesse scientifico, poiché potrebbero essere i più distanti ammassi globulari di stelle mai trovato dagli astronomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *