Il crescente riscaldamento del pianeta mette a rischio la salute umana, avverte un importante rapporto

Poiché le temperature continuano ad aumentare in tutto il mondo, aumentano anche i profondi impatti sulla nostra salute, inclusa la nostra salute mentale, secondo un importante rapporto di quasi 100 esperti, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità, recentemente pubblicato da Lancet Countdown. Questo settimo rapporto annuale si basa su rapporti precedenti, facendo eco a un terribile avvertimento sulle conseguenze per la salute di un pianeta in riscaldamento.

Mentre alcuni impatti delle temperature record possono essere più previsti, come l’aumento della malattia dovuto all’esposizione a ondate di calore e temperature estremamente elevate, altri impatti, come l’aumento del rischio di problemi di salute mentale e l’aumento della diffusione delle infezioni sono effetti meno evidenti che può avere un impatto globale, afferma il rapporto.

Secondo il rapporto, forti aumenti della temperatura e ondate di calore sono stati associati a un calo della salute mentale e a un aumento dei suicidi.

“Il cambiamento climatico influisce sulla salute mentale delle persone attraverso una varietà di percorsi diversi”, afferma il dott. Marina Romanello, direttrice esecutiva del rapporto Lancet Countdown on Health and Climate Change, ha detto ad ABC News.

“Alcuni sono più evidenti e facilmente attribuibili, come i profondi impatti sulla salute mentale dei disastri legati a eventi meteorologici estremi”, ha affermato Romanello. “Tuttavia, gli impatti sulla salute mentale dei cambiamenti climatici possono anche derivare, ad esempio, dall’esposizione al calore estremo, che è stato associato in letteratura a un aumento della violenza interpersonale, della criminalità e dell’autolesionismo”.

FOTO: Questa foto del volantino, scattata il 29 maggio 2017, mostra i ricercatori che perforano buche per raccogliere sedimenti nel lago Hazen nel Nunavut, per indagare su come il cambiamento climatico potrebbe aumentare il rischio di

Questa foto del volantino, scattata il 29 maggio 2017 e resa disponibile da Graham Colby il 17 ottobre 2022, mostra i ricercatori che perforano buche per raccogliere sedimenti nel lago Hazen nel Nunavut, per indagare su come il cambiamento climatico potrebbe aumentare il rischio di “ricadute virali”. – Un riscaldamento secondo una ricerca pubblicata il 19 ottobre 2022, il clima potrebbe portare i virus nell’Artico a contatto con nuovi ambienti e ospiti, aumentando il rischio di “ricadute virali”.

Graham Colby/Graham COLBY/AFP tramite Getty Image

Con il cambiamento climatico, i giovani sono stati più suscettibili alla depressione, all’ansia particolare, all’uso di sostanze e ai problemi con il sonno, afferma il rapporto.

“L’ottantaquattro percento dei giovani è da moderatamente a estremamente ansioso per il cambiamento climatico”, ha affermato il dott. Elizabeth Haase, presidente del Comitato sui cambiamenti climatici e la salute mentale dell’American Psychiatric Association, ha detto a ABC News. “Insieme al continuo stress che segue il clima estremo, arrivano più abuso di droghe e alcol, più abusi sui minori e violenza domestica, più povertà, diete più povere, aumento dei senzatetto, famiglie e comunità fratturate”.

Oltre a questi profondi impatti sulla salute mentale, il rapporto descrive in dettaglio come l’aumento delle temperature stia mettendo a rischio la nostra salute fisica.

I decessi dovuti al calore negli ultrasessantacinquenni sono aumentati di quasi il 70% dal 2000-2004 al 2017-2021. L’esposizione a temperature estremamente elevate è associata a colpo di calore, danno renale e peggioramento delle malattie cardiache e polmonari esistenti. Con l’aumento delle temperature, aumenta anche la diffusione e la sopravvivenza di alcune malattie infettive, con conseguente aumento del rischio complessivo di epidemie di malattie infettive.

“L’impatto accelerato del cambiamento climatico sulla salute è diventato sempre più evidente. Sta avendo effetti devastanti sulla salute”, ha affermato il dott. Georges Benjamin, direttore esecutivo dell’American Public Health Association, ha detto a ABC News. “Il nuovo rapporto Lancet documenta ulteriormente la devastazione che il cambiamento climatico sta causando alla popolazione globale”.

Con tutti questi possibili impatti sulla salute, il nostro sistema sanitario, che di recente è già stato ridotto al minimo con la pandemia di COVID-19, è pronto ad affrontare queste possibili conseguenze? non proprio. “La risposta del settore sanitario fino ad oggi è stata inadeguata e deve essere notevolmente aumentata perché la salute globale è in pericolo immediato”, ha affermato Benjamin.

FOTO: Karina Joseph, 19 anni, conforta il suo bambino di 2 anni Holland Sineus mentre riceve cure per il colera in una tenda in un ospedale di Medici Senza Frontiere a Cite Soleil, un comune densamente popolato di Port-au-Prince, Haiti, ottobre .  15, 2022.

Karina Joseph, 19 anni, conforta la sua bambina di 2 anni Holanda Sineus mentre riceve cure per il colera in una tenda in un ospedale di Medici Senza Frontiere a Cite Soleil, un comune densamente popolato di Port-au-Prince, Haiti, ottobre. 15, 2022.

Ricardo Arduengo/Reuters

La società potrebbe essere ancora meno preparata ad affrontare gli impatti sulla salute mentale dei cambiamenti climatici, avvertono gli scienziati. Proprio lo scorso dicembre, il chirurgo generale statunitense Dr. Vivek Murthy ha emesso un avviso sulla crisi della salute mentale dei giovani.

Con i recenti grandi aumenti dei giovani che richiedono servizi di salute mentale, il nostro sistema di assistenza sanitaria mentale già a corto di personale è stato ulteriormente ridotto e incapace di soddisfare questa esigenza. E si prevede che il cambiamento climatico aumenterà ulteriormente la necessità di questi servizi.

Secondo il rapporto Lancet, solo una minoranza di paesi ha considerato gli impatti sulla salute mentale del cambiamento climatico nei propri piani d’azione e solo uno su quattro paesi dichiara di avere un programma che incorpora la salute mentale nei propri programmi di preparazione alle catastrofi.

“Questo mostra chiaramente che non ci stiamo preparando a far fronte e a ridurre al minimo il previsto aumento degli impatti sulla salute mentale dal cambiamento climatico”, ha detto Romanello.

Anna Yegiants, MD, MPH è un medico residente in psichiatria e un membro dell’unità medica di ABC News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *