Identificazione dei marcatori per facilitare un trattamento migliore in futuro

Cancro della testa e del collo: indicatori per facilitare un trattamento migliore in futuro

Credito: sommthink/Shutterstock

I tumori maligni della regione della testa e del collo sono molto eterogenei e quindi da trattare. Inoltre, la mancanza di marcatori prognostici è un ostacolo significativo al trattamento personalizzato. Uno studio congiunto di MedUni Vienna e del Christian Doppler Laboratory for Applied Metabolomics si è concentrato sullo sviluppo e l’identificazione di marcatori specifici per migliorare la valutazione del rischio per i pazienti. Lo studio è stato pubblicato nel Rivista europea di medicina nucleare e imaging molecolare.

Finora, sono state condotte solo ricerche limitate sulle caratteristiche genetiche dei tumori estremamente diversi nella regione della testa e del collo. Inoltre, non ci sono parametri adeguati per la valutazione del rischio nei pazienti ad alto rischio. Questo è il contesto del recente studio condotto dal gruppo di ricerca guidato da Lukas Kenner del Clinical Institute of Pathology di MedUni Vienna e Alexander Haug del Dipartimento di Radiologia e Medicina Nucleare di MedUni Vienna in collaborazione con il Christian Doppler Laboratory for Metabolomics e il suo partner aziendale Siemens Sanificanti.

Sulla base del sequenziamento del DNA di 127 campioni di tessuto di pazienti affetti, i ricercatori hanno analizzato le caratteristiche cellulari dei tumori utilizzando l’intelligenza artificiale (AI) e la tomografia a emissione di positroni (PET) come metodo di imaging. Lo scopo dello studio retrospettivo (autore principale Clemens Spielvogel) era calcolare numeri specifici che possono essere utilizzati come marcatori per la valutazione del rischio nei pazienti combinando i dati dell’analisi genetica e dell’imaging.

Calcolato sulla base della genetica e dell’imaging

In primo luogo, è stato sequenziato il DNA delle sezioni di tessuto, sono state valutate le immagini PET tridimensionali dei pazienti e sono stati estratti modelli di immagini specifici. Il team di ricerca ha quindi unito i dati utilizzando algoritmi di apprendimento automatico per identificare le reti genetiche con diversi modelli di interruzione nei tumori che innescano la senescenza cellulare. Senescenza cellulare significa che le cellule non si dividono né secernono sostanze messaggere infiammatorie, ma non muoiono comunque. Il problema qui è che queste cellule possono rilasciare molecole nei tessuti vicini che contribuiscono all’ulteriore sviluppo del tumore.

I risultati dello studio mostrano che la senescenza cellulare in combinazione con i pattern specifici che sono stati estratti nel corso dell’analisi sono associati ad alto rischio per i pazienti con cancro della testa e del collo. In conclusione, i marcatori computazionalmente identificati da dati genetici e basati su immagini sono un mezzo più efficace per catturare l’eterogeneità dei tumori. Ciò consente di sviluppare e applicare rapidamente opzioni di trattamento più mirate e di monitorare più da vicino i pazienti ad alto rischio.

830.000 nuovi casi all’anno

Il termine tumori della testa e del collo copre vari tipi di cancro che si verificano in queste parti del corpo, compresi i carcinomi della cavità orale, della faringe, della laringe e del naso e dei seni paranasali. La maggior parte dei tumori maligni sono carcinomi a cellule squamose, cioè tumori che originano da cellule di superficie. Altri tumori, meno comuni, sono gli adenocarcinomi, che hanno origine dal tessuto ghiandolare, e i sarcomi dai tessuti molli.

Secondo le stime del database internazionale Global Cancer Studies, a più di 830.000 persone in tutto il mondo viene diagnosticato un cancro alla testa e al collo ogni anno. Secondo Statistics Austria, nel 2019 in Austria è stato diagnosticato un cancro ORL a 1.184 uomini e 404 donne. Il fumo e il consumo di alcol, ma anche i virus del papilloma umano sono fattori di rischio per il cancro della testa e del collo.


Nuova opzione terapeutica per i carcinomi della testa e del collo


Maggiori informazioni:
Clemens P. Spielvogel et al, I marcatori radiogenomici consentono la stratificazione del rischio e l’inferenza degli stati del percorso mutazionale nel cancro della testa e del collo, Rivista europea di medicina nucleare e imaging molecolare (2022). DOI: 10.1007/s00259-022-05973-9

Fornito dall’Università di Medicina di Vienna

Citazione: Cancro della testa e del collo: identificare i marcatori per facilitare un trattamento migliore in futuro (2022, 25 ottobre) recuperato il 25 ottobre 2022 da https://medicalxpress.com/news/2022-10-neck-cancer-markers-treatment-future. html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *