I senatori chiedono regole più severe sulla sospensione off-the-book

WASHINGTON (AP) – Due senatori democratici hanno esortato mercoledì il Dipartimento dell’Istruzione a rafforzare le norme contro l’esclusione silenziosa dei bambini dalla classe a causa di comportamenti legati alla disabilità — una pratica nota come rimozione informale.

Dall’inizio della pandemia, i genitori di bambini con disabilità affermano che la pratica è in aumento, negando ai loro figli il diritto legale all’istruzione. I difensori dei diritti dei disabili e gli esperti legali affermano che le rimozioni probabilmente aggirano le protezioni per questi bambini, che non dovrebbero essere disciplinati a causa della loro disabilità.

In un rapporto martedì, The Associated Press e The Hechinger Report hanno documentato l’impatto di queste rimozioni informali su bambini e famiglie. Nelle interviste a 20 famiglie in 10 stati, i genitori hanno affermato di essere stati chiamati ripetutamente, a volte meno di un’ora dall’inizio della giornata scolastica, per andare a prendere i loro figli. Alcuni hanno detto di aver lasciato il lavoro così spesso che hanno perso il lavoro.

Il Dipartimento dell’Istruzione afferma di aver visto un aumento delle rimozioni informali. A maggio, il dipartimento lo ha affermato per rafforzare le protezioni per gli studenti con disabilità. I funzionari stanno valutando modifiche normative alla Sezione 504 del Rehabilitation Act del 1973, che protegge le persone dall’essere discriminate in base alla loro disabilità.

Il dipartimento ha anche pubblicato una guida alle scuole a luglio in cui sconsiglia le pratiche discriminatorie nella disciplina per gli studenti con disabilità. Quella guida definiva le rimozioni informali come un’azione intrapresa dal personale scolastico in risposta al comportamento di un bambino che rimuove il bambino per parte o per tutta la giornata scolastica, o anche a tempo indeterminato.

Nella loro lettera di mercoledì al Dipartimento dell’Istruzione, US Sens. Dick Durbin e Tammy Duckworth, entrambi dell’Illinois, hanno sollecitato che tale pratica fosse formalmente definita nel regolamento e inclusa come una forma di azione discriminatoria vietata.

“Le rimozioni informali non solo limitano la crescita personale dei bambini e diminuiscono le loro probabilità di laurearsi, ma sono anche discriminatori”, si legge nella lettera. “Le leggi e i regolamenti federali e statali, inclusa la Sezione 504, avevano lo scopo di eliminare la segregazione degli studenti con disabilità”.

La legge federale protegge gli studenti dall’essere ripetutamente portati fuori dall’aula per comportamenti legati alla disabilità. Dopo 10 sospensioni, le famiglie dei figli disabili hanno diritto a un riesame per verificare se i comportamenti siano conseguenza della disabilità del minore. In tal caso, le scuole dovrebbero apportare modifiche, come fornire alloggi aggiuntivi o considerare un cambiamento di collocamento.

Ma quando i traslochi non vengono registrati, tali tutele non vengono sempre attivate e le famiglie potrebbero non sapere di poter ricorrere. La guida di luglio del dipartimento ha chiarito che gli studenti che sono stati rimossi in modo informale hanno gli stessi diritti di quelli che sono stati ufficialmente sospesi, incluso il processo di revisione.

“La ‘rimozione informale’ degli studenti con disabilità è una pratica perniciosa e pericolosa che l’Ufficio per i diritti civili ha visto emergere con crescente frequenza”, ha affermato mercoledì il Dipartimento dell’Istruzione in una nota. “Tutti gli studenti hanno diritto a un’istruzione libera da discriminazioni”.

I senatori hanno notato che le rimozioni formali, come sospensioni ed espulsioni documentate, portano a una perdita di 11 milioni di ore di istruzione all’anno. Molte scuole hanno promesso di ridurre le sospensioni, dal momento che i bambini non possono imparare bene quando non sono in classe.

Ma poiché le rimozioni informali non vengono registrate, l’intera portata del loro impatto sui bambini rimane poco chiara.

“In alcuni casi, le rimozioni informali possono far sì che gli studenti con disabilità perdano mesi e persino anni di istruzione in classe”, hanno scritto i senatori. “La mancanza di scuola priva i bambini anche di altri servizi importanti, come l’accesso al pranzo gratuito, il rinvio a servizi esterni, l’assistenza medica, i servizi di valutazione, l’accesso a una biblioteca e un parco giochi, le attività extrascolastiche e un senso di comunità e appartenenza”.

___

Genitori, vostro figlio è stato allontanato dalla classe, soprattutto a causa di una disabilità? Vogliamo sentire da voi. Visita: https://hechingerreport.org/informal-removals/

___

Questa storia è stata prodotta da The Associated Press e The Hechinger Report, un’organizzazione giornalistica indipendente senza scopo di lucro incentrata sulla disuguaglianza e sull’innovazione nell’istruzione.

___

I resoconti dell’Associated Press su questioni di razza ed etnia sono supportati in parte dal Dipartimento di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. L’AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *