I revisori dei conti cadono sul rischio climatico poiché le aziende inquinatrici non superano i test di base, secondo uno studio

I revisori dei conti sono stati identificati come incapaci nella divulgazione dei rischi legati al clima in un’analisi approfondita delle società responsabili dell’80% delle emissioni di gas serra industriali delle aziende, poiché nessuna delle 134 società valutate ha superato i test di base.

La revisione annuale del gruppo indipendente senza scopo di lucro Carbon Tracker ha rilevato che le società ad alta intensità di carbonio non stavano rivelando sufficientemente gli effetti dei rischi legati al clima e dei piani a zero emissioni nette nei loro rendiconti finanziari, un’omissione che ha privato gli investitori di informazioni chiave.

Su oltre 130 aziende industriali che rappresentano la maggior parte dell’inquinamento, il 98% non ha fornito prove che il proprio bilancio 2021 avesse tenuto conto degli effetti delle questioni legate al clima, secondo il rapporto in collaborazione con il Climate Accounting e Audit Project, alleato di un organismo di investitori sostenuto dalle Nazioni Unite.

“I revisori non sembrano considerare in modo completo gli effetti delle questioni rilevanti relative al clima nelle loro valutazioni del rischio e nei test di audit”, ha affermato la Carbon Tracker Initiative. “Le nette differenze tra le informazioni del rapporto di audit nella stessa azienda globale suggeriscono ulteriormente la mancanza di politiche di rete per affrontare le questioni climatiche”.

Ad esempio, la multinazionale francese Air Liquide e la casa automobilistica Mercedes-Benz hanno indicato che il cambiamento climatico non avrebbe un impatto materiale sui loro rendiconti finanziari, ma non hanno spiegato tale conclusione, afferma il rapporto. Le società hanno rifiutato di commentare.

La migliore pratica è stata identificata nei rendiconti finanziari della major petrolifera BP, che spiegava come aveva valutato gli effetti della transizione globale verso emissioni nette zero sul valore dei suoi asset e asset, inclusi immobili, impianti e macchinari. BP ha affermato che è improbabile che il previsto calo a lungo termine dei prezzi dei combustibili fossili influisca sulle restanti vite utili dei suoi asset di petrolio e gas.

Pochissime aziende hanno rivelato in che modo le considerazioni sul clima avrebbero influenzato le loro attività o hanno dettagliato le ipotesi sottostanti, come un prezzo implicito del carbonio, afferma il rapporto Carbon Tracker. La maggior parte delle relazioni di audit, nel frattempo, non ha valutato a fondo le questioni rilevanti relative al clima, né ha indicato se avesse considerato gli effetti degli obiettivi di emissioni nette zero.

“Quando le aziende non prendono in considerazione le questioni legate al clima, i loro bilanci possono includere asset sopravvalutati, asset sottovalutati e profitti sopravvalutati”, ha affermato Barbara Davidson, responsabile della contabilità, revisione e divulgazione di Carbon Tracker.

Non una singola azienda ha soddisfatto tutti i sette test utilizzati dagli autori nella loro valutazione. Solo otto società hanno superato alcuni dei test, tra cui il fatto che i rendiconti finanziari indichino le ipotesi e le stime quantitative relative al clima utilizzate e che il rapporto di audit spieghi come sono stati valutati gli impatti materiali legati al clima.

Le società sono state valutate dai settori del carbone, del petrolio, del gas, minerario, manifatturiero, automobilistico e tecnologico e sono quelle esaminate dall’influente gruppo di investitori Climate Action 100+.

Un segno che gli investitori sono sempre più preoccupati per la potenziale discrepanza tra piani climatici discorsivi e rendiconti finanziari è diventato chiaro durante la stagione dell’assemblea generale annuale di quest’anno.

A maggio, gli azionisti di ExxonMobil hanno appoggiato la richiesta alla major petrolifera di pubblicare un rapporto certificato che spieghi come la transizione globale allo zero netto avrebbe un impatto sulle “ipotesi, costi, stime e valutazioni” alla base dei suoi rendiconti finanziari.

L’anno scorso, tutte le società di revisione “Big Four” si sono unite alla cosiddetta Net Zero Financial Service Providers Alliance, impegnandole ad “allineare tutti i servizi e i prodotti pertinenti per ottenere emissioni nette di gas serra zero entro il 2050”.

Ma c’erano “poche prove che i revisori dei conti stiano affrontando le richieste degli investitori per valutare l’allineamento delle aziende con questa spinta”, ha affermato l’iniziativa Carbon Tracker.

PwC ha affermato che gli standard contabili “possono non essere all’altezza di ciò che alcuni investitori si aspettano in relazione al clima e quindi supportiamo il lavoro dell’International Sustainability Standards Board e altri, che allineeranno meglio gli standard con le aspettative”.

L’International Accounting Standards Board sta attualmente esaminando se dovrebbe chiarire i suoi requisiti esistenti, in base ai quali le società devono “considerare le questioni relative al clima” quando preparano i loro bilanci “quando l’effetto di tali questioni è materiale”.

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora la copertura del FT qui.

Sei curioso degli impegni di sostenibilità ambientale del FT? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *