I ghiacciai antartici scorrono più velocemente in estate, secondo uno studio

I ghiacciai, fiumi di ghiaccio che si muovono lentamente, scorrono più velocemente in Antartide durante l’estate, secondo un nuovo studio.

Secondo gli autori, i ghiacciai che scorrono velocemente stanno “alimentando” la piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI, una piattaforma galleggiante di ghiaccio grande più o meno quanto il Galles nella penisola antartica.

Le piattaforme di ghiaccio sono lastre di ghiaccio galleggianti permanenti che si collegano al bordo di una massa continentale, in questo caso l’Antartide.

Utilizzando le immagini dei satelliti Sentinel-1 dell’Agenzia Spaziale, hanno scoperto che la piattaforma del ghiacciaio accelera di circa 15 centesimi durante l’estate antartica.

A causa di questa variabilità, alcune stime del contributo totale dell’Antartide all’innalzamento del livello del mare potrebbero essere sovrastimate o addirittura sottovalutate.

Sapere quanto ghiaccio viene immesso nelle piattaforme di ghiaccio è importante, perché studi precedenti hanno dimostrato che le piattaforme di ghiaccio si stanno sciogliendo rapidamente.

Sebbene i ghiacciai siano solidi, in realtà scorrono come un fiume.  Il ghiaccio glaciale è costantemente in movimento, sebbene tale movimento sia troppo lento per essere notato dall'occhio umano.  Nella foto, i ghiacciai antartici drenano in una piattaforma di ghiaccio George VI carica di acqua di disgelo

Sebbene i ghiacciai siano solidi, in realtà scorrono come un fiume. Il ghiaccio glaciale è costantemente in movimento, sebbene tale movimento sia troppo lento per essere notato dall’occhio umano. Nella foto, i ghiacciai antartici drenano in una piattaforma di ghiaccio George VI carica di acqua di disgelo

L'Antartide ha approssimativamente la forma di un disco, tranne dove la penisola sporge dalle alte latitudini polari e nelle latitudini più basse e più calde.  Segnata è la posizione della piattaforma di ghiaccio Giorgio VI

L’Antartide ha approssimativamente la forma di un disco, tranne dove la penisola sporge dalle alte latitudini polari e nelle latitudini più basse e più calde. Segnata è la posizione della piattaforma di ghiaccio Giorgio VI

CHE COS’È UN RIPIANI DI GHIACCIO?

Le piattaforme di ghiaccio sono lastre di ghiaccio galleggianti permanenti che si collegano a una massa continentale.

Le piattaforme di ghiaccio si formano dove un ghiacciaio o una calotta glaciale scorre lungo una costa e sulla superficie dell’oceano.

La maggior parte delle piattaforme di ghiaccio del mondo abbraccia la costa dell’Antartide.

Tuttavia, le piattaforme di ghiaccio possono anche formarsi ovunque il ghiaccio fluisca dalla terraferma alle fredde acque oceaniche, compresi alcuni ghiacciai nell’emisfero settentrionale.

Fonte: National Snow and Ice Data Center

Il nuovo studio è stato condotto da esperti dell’Università di Cambridge e dalla società di ingegneria austriaca ENVEO e pubblicato oggi sulla rivista The Cryosphere.

Questa è la prima volta che tali cicli stagionali sono stati rilevati sul ghiaccio terrestre che scorre nelle piattaforme di ghiaccio in Antartide, affermano.

“È importante sottolineare che questo lavoro è la prima volta che i ghiacciai sulla calotta glaciale antartica sono stati osservati per accelerare durante l’estate antartica”, ha detto a MailOnline l’autrice dello studio Karla Boxall dello Scott Polar Research Institute (SPRI) di Cambridge.

“Questo comportamento stagionale non è stato tenuto in considerazione in alcune stime della prevista perdita di ghiaccio dall’Antartide, suggerendo che alcune stime del contributo previsto dell’Antartide all’innalzamento del livello del mare potrebbero essere sovrastimate o sottostimate”.

Sebbene i ghiacciai siano solidi, in realtà scorrono come un fiume. Il ghiaccio glaciale è costantemente in movimento, sebbene tale movimento sia troppo lento per essere notato dall’occhio umano.

Invece, gli scienziati si affidano a telecamere time-lapse per mostrare il movimento del ghiaccio glaciale e la velocità con cui viaggia.

Boxall ha affermato che una maggiore velocità di flusso dei ghiacciai si traduce in una maggiore perdita di massa dai ghiacciai stessi, ma potenzialmente anche in un innalzamento del livello del mare.

“La perdita di massa di ghiaccio dai ghiacciai (cioè il ghiaccio terrestre) contribuisce direttamente all’innalzamento del livello del mare, anche se la massa di ghiaccio persa si alimenta in una piattaforma di ghiaccio”, ha affermato.

“Questo perché le piattaforme di ghiaccio galleggiano nell’oceano, quindi quando il ghiaccio viene alimentato a una piattaforma di ghiaccio, all’oceano viene aggiunta una massa extra”.

L’Antartide ha approssimativamente la forma di un disco, tranne dove la penisola sporge dalle alte latitudini polari e nelle latitudini più basse e più calde.

È qui che l’Antartide vede i cambiamenti più drammatici dovuti al cambiamento climatico.

La piattaforma di ghiaccio Giorgio VI è di circa 24.000 km2 ed è la seconda piattaforma di ghiaccio più grande di questa penisola.

Vista da un aereo della piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI: una piattaforma galleggiante di ghiaccio delle dimensioni più o meno del Galles

Vista da un aereo della piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI: una piattaforma galleggiante di ghiaccio delle dimensioni più o meno del Galles

Questa immagine dal documento del team traccia la velocità del ghiaccio glaciale che scorre nella piattaforma di ghiaccio Giorgio VI (GVIS)

Questa immagine dal documento del team traccia la velocità del ghiaccio glaciale che scorre nella piattaforma di ghiaccio Giorgio VI (GVIS)

L'Antartide ospita una serie di banchi di ghiaccio segnalati in questa mappa, tra cui Amery, Shackleton e Ross.  Le formazioni si trovano anche lungo le coste artiche

L’Antartide ospita una serie di banchi di ghiaccio segnalati in questa mappa, tra cui Amery, Shackleton e Ross. Le formazioni si trovano anche lungo le coste artiche

Non è raro che il flusso di ghiaccio nella regione artica e nella regione alpina – intorno all’Austria, alla Francia e alla Svizzera – acceleri durante l’estate.

Tuttavia, in precedenza gli scienziati avevano ipotizzato che il ghiaccio in Antartide non fosse soggetto agli stessi movimenti stagionali, specialmente dove scorre in grandi piattaforme di ghiaccio e dove le temperature sono sotto lo zero per la maggior parte dell’anno.

Questa ipotesi è stata anche, in parte, alimentata dalla mancanza di immagini raccolte in passato sul continente ghiacciato.

‘A differenza delle regioni artiche e alpine, che accelerano durante l’estate a causa dell’acqua di disgelo superficiale che raggiunge la base del ghiaccio e agisce come un lubrificante, le temperature superficiali su gran parte dell’Antartico sono sotto lo zero per la maggior parte dell’anno, il che limita la produzione di acqua di disgelo superficiale”, ha detto Boxall.

Attualmente, le cause di questo cambiamento stagionale sono incerte, anche se potrebbe essere causato dall’acqua di disgelo che raggiunge la base del ghiaccio e agisce come un lubrificante, come nel caso delle regioni artiche e alpine.

Oppure potrebbe essere dovuto all’acqua oceanica relativamente calda che scioglie il ghiaccio dal basso, assottigliando il ghiaccio galleggiante e consentendo ai ghiacciai a monte di muoversi più velocemente.

“Questi cicli stagionali potrebbero essere dovuti a uno dei due meccanismi o a una combinazione dei due”, ha affermato il coautore Dr Frazer Christie, anche lui di SPRI.

“Saranno necessarie misurazioni dettagliate degli oceani e della superficie per comprendere appieno il motivo per cui si sta verificando questo cambiamento stagionale”.

Fronte di ghiaccio meridionale della piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI, una delle numerose piattaforme di ghiaccio della penisola antartica

Fronte di ghiaccio meridionale della piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI, una delle numerose piattaforme di ghiaccio della penisola antartica

Ghiacciai dell'isola di Alexander che drenano nella piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI.  La piattaforma di ghiaccio Giorgio VI è di circa 24.000 km2 ed è la seconda piattaforma di ghiaccio più grande della penisola antartica

Ghiacciai dell’isola di Alexander che drenano nella piattaforma di ghiaccio di Giorgio VI. La piattaforma di ghiaccio Giorgio VI è di circa 24.000 km2 ed è la seconda piattaforma di ghiaccio più grande della penisola antartica

Nella foto di un aereo è il ghiacciaio Chapman, che sfocia nella piattaforma di ghiaccio George VI

Nella foto di un aereo è il ghiacciaio Chapman, che sfocia nella piattaforma di ghiaccio George VI

Le osservazioni del cambiamento della velocità del ghiaccio nella penisola antartica sono state tipicamente misurate negli anni successivi.

Pertanto, sono mancati molti dettagli su come il flusso varia di mese in mese durante l’anno.

“A differenza della calotta glaciale della Groenlandia, dove un’elevata quantità di dati ci ha permesso di capire come si sposta il ghiaccio da una stagione all’altra e da un anno all’altro, fino a poco tempo non abbiamo avuto una copertura di dati comparabile per cercare tali cambiamenti sull’Antartide,” ha detto Boxall.

Una simile variabilità stagionale può esistere in altri siti più vulnerabili dell’Antartide, come i ghiacciai di Pine Island e Thwaites nell’Antartide occidentale.

“Se è vero, queste firme stagionali potrebbero non essere catturate in alcune misurazioni della perdita di massa di ghiaccio antartico, con implicazioni potenzialmente importanti per le stime dell’innalzamento del livello del mare globale”, ha affermato Boxall.

GLI SCAFFALI DEL GHIACCIO DELL’ANTARTIDE POTREBBERO FONDERE FINO AL 40% PIÙ VELOCE DI QUANTO PENSAMO, LO STUDIO AVVERTE

Un nuovo studio avverte che le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide potrebbero sciogliersi fino al 40% più velocemente di quanto pensassimo a causa delle correnti oceaniche costiere.

Scienziati in California hanno creato un nuovo modello climatico che tiene conto dell’impatto di una corrente costiera chiamata Corrente costiera antartica (ACC).

I ricercatori affermano che questa corrente stretta fa sì che l’acqua calda sciolga le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide, piattaforme di ghiaccio galleggianti attorno alla costa antartica.

Il loro modello suggerisce che i tassi di scioglimento della piattaforma di ghiaccio sono dal 20 al 40% superiori rispetto alle precedenti previsioni di altri modelli climatici.

Le piattaforme di ghiaccio aiutano a prevenire il rilascio incontrollato di ghiaccio interno nell’oceano, quindi se si stanno sciogliendo, ciò potrebbe eventualmente contribuire a un più rapido innalzamento del livello del mare.

Leggi di più

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *