Guarda come è cambiato il debito medio del prestito studentesco in 10 anni

Il debito medio del prestito studentesco è in aumento poiché le famiglie cercano di tenere il passo con l’aumento dei costi del college. Sebbene i laureati del 2021 che hanno preso in prestito per pagare la scuola hanno preso, in media, $ 208 in meno rispetto all’anno precedente, il debito studentesco totale medio continua a oscillare intorno ai $ 30.000, secondo i dati di US News.

I mutuatari idonei possono aspettarsi un po’ di sollievo, tuttavia, poiché il presidente Joe Biden ha annunciato i piani ad agosto per cancellare alcuni debiti del prestito studentesco. Ciò aiuterà alcuni mutuatari con prestiti federali, ma non coprirà necessariamente l’intero fabbisogno.

Secondo i dati riportati a US News da 1.047 college in un sondaggio annuale, i laureati della classe del 2021 che hanno contratto prestiti studenteschi sulla strada per una laurea hanno preso in prestito in media $ 29.719. Si tratta di quasi $ 6.000 in più rispetto a quanto hanno dovuto sostenere i mutuatari della classe del 2009, il che rappresenta un aumento di circa il 25% dell’importo preso in prestito dagli studenti.

Il debito medio dei laureati varia in base al tipo di istituto, secondo i dati di US News. Coloro che si sono laureati nel 2021 in un college privato classificato hanno preso in prestito in media di più, a $ 31.820, rispetto ai laureati del college pubblico, che hanno preso $ 26.320.

Questo debito ha spesso un forte impatto sulla qualità della vita di coloro che hanno preso in prestito per pagare il college, dicono gli esperti.

“Il numero totale di debiti individuali non arriva al cuore di ciò che le persone stanno vivendo”, afferma Cody Hounanian, direttore esecutivo dello Student Debt Crisis Center senza scopo di lucro. “Sentiamo ogni giorno da mutuatari che non possono permettersi i pagamenti del prestito studentesco, che non possono mettere il cibo in tavola”.

Nel frattempo, una percentuale minore di studenti prende in prestito denaro per pagare il college. Nel 2009, circa il 68% dei laureati aveva contratto prestiti studenteschi, mentre nel 2021 quasi il 64% dei laureati aveva preso in prestito, secondo i dati riportati a US News.

Il debito totale medio del prestito studentesco, che include prestiti federali e privati, è balzato di oltre $ 5.500 dal 2009 al 2015, ma negli ultimi anni si è assistito a una stabilizzazione dell’importo medio preso in prestito.

Infografica sul debito degli studenti dei migliori college 2023

(Acqua Joyce)

Il prestito è spesso legato al costo delle tasse e delle tasse universitarie, che, secondo i dati di US News, è più che raddoppiato negli ultimi 20 anni nelle università nazionali private e pubbliche classificate (scuole che sono spesso orientate alla ricerca e offrono bachelor, master e dottorati).

Quell’aumento delle tasse scolastiche e delle tasse è continuato per l’anno accademico 2022-2023, con le università nazionali private che hanno aumentato le loro tariffe in media di circa l’1,4% rispetto all’anno precedente. Ma le tasse scolastiche nelle università nazionali pubbliche sono leggermente diminuite dell’1,2% – in confronto, le tasse scolastiche sono aumentate del 3% nel 2021-2022 rispetto all’anno precedente.

“Realisticamente, in particolare nelle scuole guidate dalle tasse scolastiche, devono aumentare le tasse scolastiche per stare al passo con i propri costi”, afferma Stacey MacPhetres, direttore senior del finanziamento dell’istruzione presso il Bright Horizons College Coach. “Rende la crisi del debito studentesco uno sforzo maggiore, ma non sono sorpreso che stiamo assistendo all’aumento delle tasse scolastiche. Abbiamo visto alcune scuole congelare le tasse scolastiche o adottare un tasso di iscrizione standard di quattro anni che si stabilizzerà in qualche modo. Ma in generale , stiamo vedendo più aumenti”.

I prestiti agli studenti sono già un onere significativo per molti americani, soprattutto in considerazione del recente aumento dell’inflazione. Il debito del prestito studentesco nazionale era di quasi 1,6 trilioni di dollari nel secondo trimestre del 2022, secondo un rapporto trimestrale della Federal Reserve Bank di New York pubblicato nell’agosto 2022.

C’è anche una grave disparità razziale all’interno dei tassi di insolvenza dei prestiti studenteschi. Uno studio del 2020 dello Student Borrower Protection Center, ad esempio, ha rilevato che il tasso di inadempienza negli Stati Uniti è quasi il doppio nei codici postali a maggioranza nera – 17,7% – rispetto a quelli a maggioranza bianca, 9%. La maggior parte dei codici postali ispanici è scesa tra quelle tariffe predefinite al 13%. L’inadempienza si verifica spesso dopo più di 270 giorni di mancato pagamento, portando a potenziali implicazioni legali e alla perdita dell’idoneità a ulteriori aiuti federali agli studenti.

Sulla scia di ulteriori sfide finanziarie causate da COVID-19, il governo federale ha fornito un sollievo temporaneo a molti mutuatari di prestiti studenteschi federali. Nel marzo 2020, il Congresso ha approvato il Coronavirus Aid, Relief, and Economic Security Act, noto come CARES Act, che ha sospeso la maggior parte dei pagamenti dei prestiti studenteschi federali, rinunciato agli interessi e sospeso gli incassi sui prestiti inadempienti fino a settembre 2020. Dopo molteplici proroghe, la pausa è fissato per fine dicembre 31, 2022.

Nel frattempo, i mutuatari possono considerare di effettuare pagamenti per ridurre il saldo principale e risparmiare denaro nel tempo, afferma Heather Jarvis, un avvocato specializzato in prestiti agli studenti.

“Penso che molti mutuatari abbiano beneficiato della possibilità di utilizzare la liquidità disponibile per altre necessità piuttosto che per i pagamenti dei prestiti studenteschi”, afferma Jarvis. “Forse un impatto ancora maggiore è stata la sospensione degli interessi perché i mutuatari di prestiti studenteschi a volte possono essere scioccati nel vedere come il passare del tempo aumenti il ​​costo del prestito”.

Inoltre, secondo il piano di riduzione del debito di Biden, coloro che guadagnano meno di $ 125.000 all’anno, o sono in famiglie con un reddito combinato inferiore a $ 250.000, hanno diritto a un massimo di $ 10.000 in cancellazione del debito. Ulteriori $ 10.000 di debito studentesco verranno cancellati per i mutuatari idonei a Pell che hanno ricevuto Pell Grants, aiuti federali basati sui bisogni, durante il college.

“I 10.000 dollari di perdono avranno un impatto su molti mutuatari. Potrebbero ridurre della metà il loro debito o addirittura cancellarlo”, afferma Kristin McGuire, direttore esecutivo di Young Invincibles, un’organizzazione nazionale senza scopo di lucro di difesa e politica. “I $ 20.000 sono davvero un grande progresso per questa politica per iniziare davvero a scavare in alcune delle cause profonde della crisi studentesca del debito. Perché se guardiamo alle popolazioni studentesche che hanno più bisogno di aiuto, sono in genere idonee a Pell”.

Alcuni mutuatari ricevono anche assistenza dal loro college o università. Utilizzando i finanziamenti federali di emergenza del CARES Act e dell’American Rescue Plan Act del 2021, alcune istituzioni hanno ripagato il debito studentesco dovuto direttamente alle scuole. La Georgia Southwestern State University, ad esempio, ha liquidato i saldi non pagati scaduti per 82 studenti iscritti tra la primavera del 2020 e la primavera del 2021, per un totale di oltre $ 110.000. Questo passaggio potrebbe liberare denaro per i pagamenti del prestito studentesco che sarebbe stato invece utilizzato per pagare la scuola.

Mentre i potenziali studenti iniziano a pensare al college, McGuire dice che non dovrebbero lasciare che la paura del debito impedisca loro di frequentare, specialmente se provengono da una famiglia a basso reddito.

“Un’istruzione universitaria è il modo migliore per uscire dalla povertà generazionale”, afferma.

Stai cercando di finanziare la tua istruzione? Ottieni suggerimenti e altro nel centro US News Paying for College.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *