Education Spotlight: concentrarsi sulla gestione responsabile degli sterili

“Al momento del fallimento, ero sul mio ultimo volo di ritorno dal Brasile. Sono atterrata alla DIA, ho acceso i telefoni e stavano esplodendo”, ricorda. “Una delle cose in cui credo è che l’esperienza ci ha plasmato in quello che siamo. E quel fallimento ha avuto gravi ripercussioni su di me”.

Dopo il disastro che ha ucciso 270 persone, le normative in Brasile sono completamente cambiate. Una revisione globale degli scostamenti stabilirebbe un nuovo standard internazionale.

“La gente spesso mi dice che sono molto appassionato di sterili”, dice Morrison. Ingegnere civile e geologo registrato, è cresciuta in un terreno agricolo a nord del fiume Missouri e ha sempre amato stare all’aria aperta.

“Quello che mi appassiona è essere responsabile, rispettare il nostro ambiente, rispettare le nostre comunità. E tutto quello che sto cercando di fare è aumentare la consapevolezza per aiutare il settore a fare un lavoro migliore”.

Morrison, ora direttore senior, servizi tecnici per la gestione degli sterili globali presso Newmont, da allora ha pubblicato due articoli sul cambiamento del regolamento e sulla risposta: Post-Corrego do Feijao: evoluzione continua dei regolamenti sulle dighe di sterili in Brasile e Modifiche al regolamento della diga di sterili in Brasile a seguito di guasti.

È stata anche la presidentessa fondatrice del comitato per i rifiuti degli sterili all’interno di SME ed è stata caporedattore del Manuale di gestione degli sterili: un approccio al ciclo di vita pubblicato nel febbraio 2022, riunendo oltre 100 contributori da tutto il mondo.

“Come consulente, hai l’opportunità di vedere molte strutture e svolgere diversi tipi di lavoro. E aiuta davvero a costruire quella base di conoscenze e una comprensione più generale che ogni struttura è unica e che ogni struttura ha sfide uniche ad essa associate”, afferma.

Il corso Edumine di Morrison, gestione responsabile degli sterili 101 è attualmente disponibile in formato registrato online su richiesta. Ecco un assaggio del programma:

MDC: Puoi descrivere il corso e per chi è stato progettato?

Morrison: Fornisce un buon background generale o una base per la comprensione della gestione degli sterili. Puoi entrare nel livello base e ottenere qualcosa da esso, puoi entrarci con diversi anni alle spalle e comunque ottenere qualcosa da esso.

Quello che ho scoperto nel corso degli anni è che il corso attrae una vasta gamma di persone con una vasta gamma di background. In realtà lo consiglio alla direzione di fornire loro una comprensione più ampia per le agenzie di regolamentazione. E ho avuto un certo numero di autorità di regolamentazione e persone dal lato della finanza mineraria solo per capire meglio la gestione degli sterili è, [as] uno dei costi più significativi per l’esecuzione di un’operazione.

MDC: Qual è il divario di conoscenze per i nuovi ingegneri che entrano in una struttura di sterili?

Morrison: I nuovi ingegneri spesso non sono stati introdotti agli sterili nel loro periodo di studi di ingegneria. Quindi il divario di conoscenza può inizialmente essere piuttosto ampio. E questo corso è molto buono, credo, nel fornire quell’ampia comprensione di base dei requisiti multidisciplinari interfunzionali coinvolti nella gestione degli sterili.

MDC: Cosa è cambiato da quando sono entrati in gioco i nuovi standard sugli sterili?

Morrison: Ci sono molti miglioramenti nella tecnologia: ci dà l’opportunità di capire cosa sta succedendo all’interno delle nostre strutture di stoccaggio degli sterili e come le prestazioni e le osservazioni si confrontano con le aspettative sulle prestazioni.

I processi di monitoraggio sono in continuo miglioramento [with] miglioramenti significativi alle tecnologie dei droni. C’è la possibilità di sfruttare immagini e video di alta qualità. Puoi dotare i droni di altri sensori come l’imaging termico e fornisce informazioni aggiuntive sulle prestazioni della struttura.

MDC: Quale nuova tecnologia viene utilizzata?

Morrison: C’è un uso esteso delle tecnologie di monitoraggio remoto. là [are] miglioramenti nella tecnologia monitoraggio in tempo reale della strumentazione della diga installata collegata ai valori di soglia di attivazione, nuove forme di strumentazione per migliorare la comprensione come i cavi in ​​fibra ottica per rilevare deformazioni e infiltrazioni.

C’è una migliore comprensione del comportamento geotecnico degli sterili attraverso la ricerca. Le tecnologie di irrigazione continuano a migliorare. Possiamo filtrare a velocità di produzione più elevate e con filtri più grandi, tecnologie di commistione. C’è davvero una mossa verso ‘come possiamo costruire senza dighe? È possibile?’

Scopri di più sul corso di gestione responsabile degli sterili di Edumine qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *