Cosa significherebbe per l’istruzione un disegno di legge nazionale “Non dire gay”.

Un disegno di legge recentemente presentato al Congresso limiterebbe i finanziamenti federali da organizzazioni, contenuti locali e scuole che includono LGBTQ in eventi, programmi, istruzione di più.

Lo “Stop the Sexualization of Children Act” ha poche possibilità di passare il Congresso. Le elezioni di medio termine, tuttavia, potrebbero cambiare le cose.

Ecco cosa comporterebbe il conto:

Se approvata dal Congresso, la legislazione vieterebbe alle organizzazioni federali, statali, locali e private che ricevono dollari delle tasse federali di sviluppare, facilitare o finanziare programmi, eventi o letteratura su “orientamento sessuale, identità di genere, disforia di genere o argomenti correlati” per i bambini di età inferiore ai 10 anni.

I genitori sarebbero autorizzati a intentare una causa contro qualsiasi ente pubblico o privato che utilizza fondi federali per mostrare o facilitare contenuti che presentano identità LGBTQ.

Se un’agenzia o un’organizzazione viola queste restrizioni più di una volta in un periodo di cinque anni, potrebbe perdere l’accesso ai fondi federali per tre anni, secondo il disegno di legge.

Il disegno di legge menziona specificamente i drag show, che sono stati recentemente oggetto di critiche da parte di gruppi conservatori che si battono per leggi come questa.

FOTO: La gente protesta davanti all'ufficio della senatrice dello stato della Florida Ileana Garcia dopo l'approvazione del disegno di legge sui diritti dei genitori nell'istruzione, soprannominato il

La gente protesta davanti all’ufficio della senatrice dello stato della Florida Ileana Garcia dopo l’approvazione del disegno di legge sui diritti dei genitori nell’istruzione, soprannominato il disegno di legge “Don’t Say Gay” dagli attivisti LGBTQ a Miami, 09 marzo 2022.

Joe Raedle/Getty Images, FILE

Il disegno di legge proposto suscita critiche

Il disegno di legge ha suscitato un contraccolpo immediato da parte di alcune persone LGBTQ e attivisti in tutto il paese, che affermano che questa legislazione travisa queste identità come intrinsecamente sessuali, vergognose o tabù.

Affermano che questo tipo di legislazione metterà a tacere e danneggerà gli insegnanti e gli studenti LGBTQ, mentre stigmatizza la comunità e minaccia i programmi sull’inclusione finanziati dal governo federale.

“Invece di unirsi alla crescente ondata di accettazione e sostegno bipartisan per le persone LGBTQ, i membri del Congresso che cercano di ottenere punti politici propongono un disegno di legge pieno di disinformazione con il futile tentativo di diffamare e cancellare chi siamo”, ha affermato Sarah Kate Ellis, presidente e CEO del gruppo di difesa LGBTQ GLAAD.

Ha continuato: “Il popolo americano vede questo per quello che è: uno sforzo disperato e perdente che prende di mira gli studenti più vulnerabili, con l’obiettivo di diffondere bugie”.

Il disegno di legge proposto arriva in mezzo a un’ondata di appelli conservatori contro la rappresentazione o la discussione delle identità LGBTQ nelle scuole e nelle biblioteche. La battaglia guidata dai repubblicani contro i contenuti LGBTQ è cresciuta a livello nazionale, provocando divieti di libri e leggi simili in diversi stati.

“Un disegno di legge federale ‘Don’t Say Gay or Trans’ – modellato sulla controversa legge discriminatoria in Florida e mirato a cacciare le famiglie e gli insegnanti LGBTQ+ dal sistema educativo – è il loro ultimo crudele tentativo di stigmatizzare ed emarginare la comunità, non in un tentativo di risolvere i problemi reali, ma solo di inasprire la loro base estremista”, ha affermato David Stacy, direttore degli affari di governo del gruppo di difesa dei diritti umani LGBTQ.

FOTO: I tifosi si mobilitano per respingere i cosiddetti

I sostenitori si radunano per respingere il cosiddetto “Don’t Say Gay” al Pride Center di Wilton Manors, in Florida, il 2 febbraio. 2, 2022.

Sun Sentinel tramite Getty Images, FILE

Lo sforzo riflette il movimento conservatore nazionale

Louisiana Rep. Mike Johnson sta guidando lo sforzo, sostenuto da oltre 30 altri membri del Congresso repubblicano.

“Il Partito Democratico e i suoi alleati culturali stanno conducendo una crociata fuorviante per immergere i bambini nell’immaginario sessuale e nell’ideologia radicale”, ha affermato Johnson.

La legislazione segue l’attuazione della legge della Florida sui diritti dei genitori nell’istruzione, che è stata attuata a luglio. Diversi stati hanno seguito l’esempio della Florida, inclusa l’Alabama, che ha implementato le cosiddette politiche “Don’t Say Gay”.

I sostenitori affermano che queste leggi consentono ai genitori di decidere cosa dovrebbe essere insegnato ai propri figli.

“Faremo in modo che i genitori possano mandare i loro figli a scuola per ricevere un’istruzione, non un indottrinamento”, ha affermato il governatore della Florida. Lo ha detto Ron DeSantis prima di firmare il disegno di legge a marzo.

A seguito dell’attuazione della legge, il Board of Education statale ha approvato una norma che potrebbe rimuovere le licenze degli insegnanti che includono l’orientamento sessuale o l’identità di genere nel loro curriculum. Anche il consiglio scolastico di Miami-Dade ha votato contro il riconoscimento formale del Mese della storia LGBTQ, un mese che aveva celebrato in passato.

Alcuni insegnanti affermano di aver abbandonato le aule a causa di queste politiche anti-LGBTQ.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *