Biden annuncia i passaggi per espandere i programmi di perdono dei prestiti agli studenti

  • Il Dipartimento dell’Istruzione ha annunciato soluzioni permanenti al programma di perdono del prestito di servizio pubblico.
  • Includevano correzioni una tantum ai conteggi dei pagamenti in PSLF, insieme a piani di rimborso basati sul reddito.
  • Questo arriva pochi giorni prima che l’esenzione PSLF scada il 31 ottobre e non venga prorogata.

Il dipartimento dell’istruzione del presidente Joe Biden ha appena annunciato soluzioni per rendere più facile il perdono del prestito studentesco per i mutuatari, in modo permanente.

Quasi un anno fa, il Dipartimento dell’Istruzione ha annunciato le riforme del programma PSLF (Public Service Loan Forgiveness), che ha lo scopo di condonare il debito studentesco per il governo e i lavoratori senza scopo di lucro dopo dieci anni di pagamenti di qualificazione. Incluso in tali riforme c’era una rinuncia temporanea, con scadenza il 31 ottobre, che consentiva a tutti i pagamenti passati, compresi quelli precedentemente ritenuti non idonei, di essere conteggiati ai fini del perdono.

Sebbene tale rinuncia non stia ottenendo una proroga, martedì il dipartimento ha annunciato una serie di correzioni permanenti al programma per aiutare i dipendenti pubblici a beneficiare di questo programma in futuro, insieme ai mutuatari iscritti a piani di rimborso guidato dal reddito (IDR), che promettono prestiti perdono dopo almeno 20 anni di pagamenti. In particolare, il dipartimento regolerà il conto di un mutuatario concedendogli credito verso PSLF o IDR per:

  • Ogni mese il mutuatario era in rimborso, indipendentemente dal fatto che i pagamenti fossero in ritardo
  • Ogni mese i prestiti erano in uno stato ammissibile di rimborso, differimento o concessione prima del consolidamento
  • Mesi in cui un mutuatario ha trascorso almeno 12 mesi consecutivi in ​​tolleranza
  • Mesi in cui un mutuatario ha trascorso almeno 36 mesi cumulativi in ​​​​tolleranza
  • E ogni mese trascorso in differimento prima del 2013.

Questo aggiustamento sarà automatico, ma il dipartimento ha osservato che per ricevere questo aggiustamento del conto una tantum, i mutuatari con prestiti non ammissibili – qualsiasi prestito che non sia un prestito federale diretto o un prestito FFEL gestito dal dipartimento – devono consolidarli no entro il 1 maggio 2023. Nell’ambito del processo di regolamentazione, questo non entrerà in vigore fino a luglio 2023.

“Oggi incoraggiamo i lavoratori del servizio pubblico a sfruttare le modifiche temporanee del programma prima della scadenza del 31 ottobre”, ha dichiarato il segretario all’Istruzione Miguel Cardona. “Allo stesso tempo, stiamo adottando misure audaci che avvicineranno automaticamente i lavoratori del servizio pubblico più laboriosi al perdono e apporteremo modifiche permanenti per ridurre la burocrazia che ha crivellato il programma PSLF”.

Sebbene l’esenzione PSLF stia per scadere, l’adeguamento del conto darà ai mutuatari un’altra possibilità di ottenere la correzione dei conteggi dei pagamenti. Altri miglioramenti del PSLF attraverso i regolamenti, che inizieranno a luglio 2023, includono la possibilità per i mutuatari di contare i ritardi di pagamento ai fini del condono, il conteggio dei periodi di differimento e tolleranza e la semplificazione dei criteri del programma per rendere più facile per i mutuatari certificare l’occupazione.

Un funzionario del dipartimento ha osservato durante l’appello alla stampa che la deroga non è stata prorogata perché “è stata un’azione una tantum ed era collegata alle circostanze in cui si trovava il nostro paese un anno fa. Il nostro obiettivo è cercare di risolvere questo programma in modo permanente e a lungo termine».

Tuttavia, il dipartimento raccomanda ai mutuatari di richiedere l’esenzione PSLF prima del 31 ottobre per assicurarsi che possano beneficiarne il prima possibile. Il dipartimento ha osservato che, dato il volume dei candidati, “il tempo di elaborazione sta richiedendo più tempo del normale, ma nei prossimi mesi arriveremo al modulo PSLF”. Da quando è stata implementata, la rinuncia ha portato a 236.000 dipendenti pubblici 14 miliardi di dollari di alleggerimento del debito e il dipartimento prevede che queste soluzioni permanenti aiuteranno a continuare questo progresso.

“A partire dalla prossima estate, queste azioni avvicineranno milioni di mutuatari qualificati al perdono accreditando tutti i loro pagamenti passati”, ha detto Cardona ai giornalisti in una conferenza stampa martedì. “I risultati saranno ancora più trasformativi, avvicinando ancora più dipendenti pubblici al perdono”.

Ciò arriva mentre l’amministrazione Biden sta portando avanti il ​​suo ampio piano di perdono dei prestiti studenteschi. Sebbene una corte d’appello federale abbia recentemente sospeso temporaneamente la cancellazione di qualsiasi debito studentesco fino a quando non prenderà una decisione definitiva sulla legalità del piano, il dipartimento continua a incoraggiare i mutuatari a richiedere fino a $ 20.000 di sgravio tramite il modulo su studentaid.gov .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *