Better Buy: azioni Tesla o un fondo indicizzato Nasdaq?

dopo Tesla‘S (TSLA -1,10%) recente frazionamento azionario 3 per 1, ti starai chiedendo se ora sia il momento ideale per acquistare la società di veicoli elettrici dinamici (EV) di Elon Musk.

la scissione non è stata vantaggiosa per il titolo; il suo prezzo è diminuito di quasi il 10% da quando è entrato in vigore.

Ma quel calo probabilmente ha più a che fare con il più ampio sell-off del mercato poiché le preoccupazioni per l’inflazione prolungata continuano a punire le azioni.

Gli investitori a lungo termine comprendono che il calo dei prezzi delle azioni crea potenziali opportunità di acquisto. Quindi con il tecnico pesante Composito Nasdaq anche in calo di oltre il 10% nelle ultime settimane, qual è l’opportunità migliore in questo momento: Tesla o un fondo indicizzato Nasdaq?

Se sei un investitore con un forte stomaco per la volatilità, credo che Tesla offra un potenziale maggiore grazie alle sue numerose somiglianze con altri titoli irripetibili.

Persona che carica il proprio veicolo elettrico mentre scorre su uno smartphone.

Fonte immagine: Getty Images.

Efficienza impareggiabile

Molte delle più grandi aziende di oggi hanno una cosa in comune: capovolgono i modelli di business tradizionali.

Tesla lo ha fatto in molti modi, ma nessuno è più evidente della sua efficienza di produzione. Ciò è stato in gran parte ottenuto dall’approccio dei primi principi di Musk alla costruzione delle sue auto.

Abitudini atomiche l’autore James Clear definisce il pensiero dei primi principi come “… l’atto di ridurre un processo alle parti fondamentali che sai essere vere e costruire da lì”.

L’automobile media è composta da circa 30.000 parti. Al contrario, la Tesla Model 3 è composta da circa 10.000 parti e la trasmissione ha solo da 17 a 18 singoli pezzi rispetto a un motore a combustione interna standard, che ha circa 200 parti.

Tesla è stata in grado di raggiungere questa efficienza produttiva grazie alla sua Giga Press, una macchina per pressofusione su larga scala. Invece di fondere migliaia di singole parti e saldarle o incollarle insieme, la Giga Press può produrre grandi porzioni dell’auto in un’unica colata.

Ad esempio, l’intera sezione posteriore della Model Y è fusa in un unico stampo, che tradizionalmente consisterebbe in oltre 70 parti prodotte individualmente. Questa innovazione da sola elimina circa 300 robot e riduce del 30% lo spazio della carrozzeria.

Questa efficienza di produzione può essere vista nei margini operativi dell’azienda, che hanno battuto in modo significativo la concorrenza.

Grafico del margine operativo (TTM) TSLA

Margine operativo TSLA (TTM). Dati di YCharts. TTM = ultimi 12 mesi.

Tesla è una società di dati

La più grande svista che molti investitori fanno quando analizzano Tesla è pensarla semplicemente come una casa automobilistica. Probabilmente hai visto i vari articoli che sottolineano che la capitalizzazione di mercato di Tesla equivale all’incirca a tutte le altre principali case automobilistiche messe insieme.

Sebbene la leadership di Tesla nel settore dei veicoli elettrici contribuisca sicuramente alla sua elevata valutazione, credo che la giustificazione principale abbia più a che fare con il suo modello di business incentrato sui dati.

I veicoli Tesla sono essenzialmente computer su ruote e, proprio come tutte le migliori aziende di oggi, l’azienda sta sfruttando i dati acquisiti dai suoi computer per massimizzare la sua proposta di valore.

Questo è chiaramente visibile nella sua spinta verso la guida autonoma. Mentre Musk è stato famigerato eccessivamente ottimista sul rilascio della funzione Full Self Drive (FSD) dell’azienda, Tesla lo ha testato beta per quasi due anni e recentemente ha superato oltre 100.000 veicoli su strada testando attivamente il software.

Per riferimento, Alfabeto‘S (NASDAQ: GOOG)Waymo, uno dei principali concorrenti nello spazio di guida autonomo, ha circa 600 veicoli autonomi in fase di test su strada oggi.

FSD è costruito su una base di apprendimento automatico, quindi ogni miglio percorso dai proprietari in teoria migliora le sue capacità. Il vantaggio di Tesla nei test sui veicoli autonomi è solo un esempio di come stia utilizzando i suoi dati proprietari come vantaggio rispetto ai suoi concorrenti.

Altri esempi dell’uso dell’acquisizione dati da parte dell’azienda possono essere visti nel suo prodotto assicurativo basato su metriche e negli aggiornamenti software over-the-air.

Mentre la valutazione è alta, i profitti stanno scorrendo

La valutazione di Tesla è senza dubbio la più grande preoccupazione per l’acquisto del titolo. Con un rapporto prezzo/utili (P/E) di oltre 100, non si può affermare che le azioni siano a buon mercato.

Ma mentre quella valutazione è alta, considera quanto drasticamente il P/E è stato ridotto negli ultimi anni:

Grafico del rapporto TSLA PE

Rapporto TSLA PE. Dati di YCharts.

Ciò è in parte dovuto al ritiro del mercato in generale, ma è anche il risultato della redditività in forte aumento di Tesla.

Utile (perdita) netto consolidato di Tesla

2017

2018

2019

2020

2021

anno corrente

($ 2,2 miliardi)

($ 1,1 miliardi)

($ 775 milioni)

862 milioni di dollari

$ 5,6 miliardi

5,4 miliardi di dollari

Fonte dati: Tesla. Tabella per autore.

Tesla non è un gioco di valore, ma una scommessa sull’opzionalità. Anche ai prezzi elevati di oggi, credo che ci sia un enorme vantaggio se l’azienda fornisce la sua vasta gamma di prodotti dirompenti (guida autonoma, taxi robot, robotica, energia solare e altro).

Pochissime delle società di maggior valore oggi mai scambiate a valutazioni tradizionalmente basse. C’è sicuramente un rischio insito in questo investimento, ma la gamma di potenziali risultati per Tesla è astronomica e mi ricorda molto un’altra azienda tecnologica di alto livello che è stata criticata per anni come enormemente sopravvalutata.

è Amazonil cui fondatore, come Elon Musk, invia anche razzi nello spazio.

John Mackey, CEO di Whole Foods Market, una sussidiaria di Amazon, è un membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Suzanne Frey, dirigente di Alphabet, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Mark Blank ha posizioni in Tesla. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Alphabet (azioni A), Alphabet (azioni C), Amazon e Tesla. The Motley Fool ha una politica di divulgazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *