1132 scuole private nel Karnataka registrano zero iscrizioni quest’anno accademico

Raghu R sta attraversando un periodo turbolento dopo che suo padre Ranga Swamy, presidente e fondatore della Lawrence International Public School, Bengaluru, è morto ad agosto. Motivo: l’ansia crescente di non riuscire a tenere in vita la scuola. La scuola, iniziata nel 2006, ha dovuto chiudere ad agosto dopo aver registrato zero presenze. Non solo la Lawrence International Public School, 1132 scuole private nel Karnataka hanno registrato zero ammissioni quest’anno accademico (2022-23).

Secondo i dati a cui ha accesso indianexpress.com dal Dipartimento dell’istruzione scolastica del Karnataka, su 1132 scuole, 367 scuole primarie inferiori, 466 scuole primarie superiori e 299 scuole superiori hanno registrato zero ammissioni quest’anno. Infatti, secondo i dati presentati dal ministro dell’Istruzione scolastica statale BC Nagesh durante la sessione di bilancio di marzo 2022, 966 scuole private non assistite hanno registrato zero iscrizioni per l’anno 2021-22. C’è stato un aumento di 166 scuole nel 2022-23 che hanno registrato zero ammissioni.

Quest’anno, 523 scuole statali e 176 scuole sovvenzionate dal governo hanno registrato zero iscrizioni. Pertanto, ben 1831 scuole del Karnataka hanno registrato zero iscrizioni per il 2022-23. I dati rivelano anche che 745 college pre-universitari hanno registrato zero iscrizioni anche quest’anno accademico.

Secondo i funzionari dell’istruzione, molte scuole private non hanno registrato le iscrizioni negli ultimi due anni a causa della pandemia di coronavirus, costringendole a chiudere. Dal non riuscire a pagare l’affitto per fornire un’istruzione di scarsa qualità, le ragioni del deterioramento del numero di ammissioni sono molte.

Gli ufficiali di blocco dell’istruzione (BEO) sottolineano che la qualità dell’istruzione in molte scuole private, soprattutto nelle aree rurali, si sta deteriorando perché le scuole non sono state in grado di reclutare insegnanti qualificati.

Parlando con indianexpress.com, Raghu ha detto che la morte di suo padre e la situazione finanziaria della famiglia hanno portato allo stato pietoso della scuola. “Mio padre si è avventurato nell’istruzione solo dopo aver superato i 65 anni. Tutto è andato bene fino a quando la pandemia non ha colpito. Con le lezioni online che avevano la precedenza e con tassi di ammissione bassi, stava diventando difficile pagare l’affitto per l’edificio. Rs 50.000 sono stati spesi per l’affitto e altri Rs 50.000 per gli stipendi degli insegnanti. Dopo la riapertura della scuola nel 2022, non abbiamo visto nuove ammissioni. Mio padre si è preoccupato e la sua salute ha iniziato a peggiorare e alla fine ha portato alla sua morte e poi abbiamo dovuto chiudere la scuola”.

Ha aggiunto che prima della pandemia le ammissioni da LKG alla Classe 7 erano state registrate a 120. La scuola aveva otto insegnanti e la maggior parte di loro si è dimessa volontariamente e non si è presentata al lavoro dopo aver appreso che nella scuola non sono state registrate nuove ammissioni.

Shruti K, un’insegnante, ora sta cercando un nuovo lavoro in un’altra scuola, dopo che la Icon International School di Bengaluru, dove lavorava in precedenza, ha chiuso nel marzo 2020 a causa di zero ammissioni. La scuola è stata avviata nel 2013 e ha ospitato studenti dalla scuola materna alla classe 8. La scuola aveva 20 insegnanti e tutti ora sono alla ricerca di un nuovo lavoro.

Secondo CV Hugar, segretario capo della scuola, gli amministratori dell’istituto hanno smesso di contribuire dopo la pandemia. “Abbiamo chiuso la scuola all’inizio della pandemia nel marzo 2020, dopo che gli amministratori non erano disposti a finanziare la scuola. Spendevamo Rs 1.70.000 per l’affitto di un edificio e Rs 3.50.000 per gli stipendi degli insegnanti, l’elettricità e la manutenzione al mese. Il padrone di casa non era disposto a ridurre l’affitto, di conseguenza, abbiamo dovuto chiudere la scuola”, ha detto Hugar.

Tuttavia, secondo i funzionari dell’istruzione nel South taluk di Mangalore, alcune scuole private sono state chiuse a causa della concorrenza di altre scuole private. Ad esempio, secondo un funzionario dell’istruzione, la Preethi Lower Primary School di Nandigudda ha registrato zero ammissione per il 2021 e chiusa dopo aver affrontato la concorrenza di altre scuole. “La scuola aveva buone infrastrutture e personale docente sufficiente. Tuttavia, gli studenti hanno portato i certificati di trasferimento alle scuole private vicine che sono andate meglio”, ha affermato un funzionario dell’istruzione.

Ma Lily Pereira, fondatrice della scuola, ha detto che è attiva dal 1994. “Inizialmente ho aperto la scuola perché non c’erano scuole nel quartiere. Ma tagliate al 2020, sono nate molte scuole private. In generale, registravamo ammissioni molto basse perché il livello di istruzione era solo fino alla classe 5. Inoltre, la maggior parte dei nostri studenti proveniva dall’India settentrionale. Con una mancanza di continuità e con gli studenti che sono tornati alla loro nativa durante la pandemia, abbiamo registrato zero ricoveri, costringendoci a chiudere la scuola. Abbiamo sempre avuto circa 45-50 studenti ogni anno”, ha detto Pereira, che ora gestisce Babyland, una scuola materna.

A Belagavi, tuttavia, i funzionari dell’istruzione hanno sottolineato che le scuole governative meglio agevolate stanno costringendo gli studenti a lasciare le scuole private. Ad esempio, la scuola KLPS Birasiddeshwar Sundholi nel Mudalagi taluk di Belgavi mancava di buone infrastrutture e di un’istruzione di qualità, che è diventata la ragione per l’assenza di ammissioni.

Ajjappa Mannikeri, BEO di Mudalagi taluk, ha dichiarato: “Abbiamo chiesto alla scuola di consegnare i documenti scolastici alle scuole governative vicine perché la direzione non era più in grado di gestire la scuola privata. I numeri di ammissione erano zero per l’anno 2021-22 e circa 50 studenti delle classi 1-5 vengono spostati nelle vicine scuole statali. Ci sono tre scuole governative, tra cui una scuola femminile, una scuola maschile di 100 anni e una scuola elementare inferiore. La qualità dell’istruzione e la mancanza di insegnanti qualificati hanno deteriorato le ammissioni alla scuola”.

Lokesh Talikatte, presidente della Registered Unaided Private Schools Association, che rappresenta 13.000 scuole a basso costo nello stato, ha affermato: “Il governo deve concedere tempo alle scuole private per rilanciare. Se il Covid-19 è uno dei motivi, le molestie da parte dei funzionari distrettuali e di livello di taluk dell’istruzione è un altro che ha portato alla condizione devastante delle scuole private. Il governo dovrebbe fornire alle scuole il tempo di richiedere il rinnovo del permesso e presentare i registri fondiari, tra gli altri documenti. Invece, i funzionari minacciano e chiudono le scuole”.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *